Repubblica Viareggina solidale con in infermiere convocato dalla commissione disciplinare per avere denunciato mancanza di sicurezza.

“Prima vengono chiamati “eroi”, poi se un infermiere come Marco Lenzoni dell’Asl della Lunigiana denuncia che sono stati mandati allo sbaraglio viene convocato dalla Commissione Disciplinare dalla Asl. I dispositivi di protezione individuale (Dpi), adottati in questi mesi di emergenza contro il Covid-19′ sono risultati inadeguati o totalmente assenti, la situazione catastrofica all’interno delle Residenze Sanitarie Assistite (Rsa), oltre ai tamponi non eseguiti o eseguiti in ritardo. Marco ha denunciato la mancanza di sicurezza per loro, per i pazienti e utenti.
“La colpa”: “ aver leso l’immagine dell’azienda.
Succede e Succederà ad altri lavoratori, finche i datori di lavoro si serviranno dell’art. 2105 del Codice civile del ’42 strumento del ventennio fascista. Con questo atto si pretende di cancellare il diritto di cronaca e di critica di lavoratori e lavoratrici che subiscono intollerabili rappresaglie da parte padronale oltre il rischio del licenziamento.

Come Repubblica Viareggina, esprimiamo a Marco la piena e globale solidarietà e siamo disponibili per eventuali iniziative.”

Repubblica Viareggina

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


− 6 = due