Gli inquilini della palazzina fanno ricorso al TAR contro l’asse di penetrazione. La solidarietà del comitato per la salvezza della pineta.

Gli inquilini dello stabile di Via Indipendenza 45, a rischio abbattimento per il progettato Asse di Penetrazione, ci informano che hanno da tempo depositato, e in parte già pagato, il ricorso al TAR contro tale discusso e discutibile progetto.

Le famiglie che si sono attivamente mobilitate, e che sono la maggioranza (cinque su nove), ci fanno anche sapere che sono felici per ogni iniziativa a sostegno della loro lotta. Tale lotta – ci dicono – non è soltanto per le loro case, ma anche e soprattutto per l’integrità della Pineta, che è patrimonio di tutti.

A livello di interesse utilitario, avrebbero forse avuto anche convenienza ad accettare una transazione col Comune, che aveva fatto loro balenare la promessa di case dal valore monetario assai maggiore. Ma a questo mondo (forse qualcuno ogni tanto se lo scorda…) ci sono tuttora anche dei valori non monetizzabili. La maggioranza degli inquilini di Via Indipendenza 45 o è nata lì o ha comunque trascorso lì buona parte della vita, e a quei luoghi sono legate indissolubilmente la sua memoria e la sua identità. Inoltre, se non si è mai spostata da lì è perché AMA LA PINETA, e mai vorrebbe vederla sventrata, anche se gliene venisse in tasca un utile economico molto maggiore di quello che le è stato prospettato.

Il Comitato esprime piena solidarietà agli inquilini, la cui lotta è parte integrante della sua, e augura il maggior successo al loro procedimento.

Comitato per la salvezza della pineta

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


7 + uno =