Le vittime del nazifascismo come quelle di Sant’Anna di Stazzema si onorano tutti i giorni. Non è la retorica europeista l’eredità dei partigiani.

Giusto essere a Sant’Anna di Stazzema, giusto non dimenticare e giusto tenere stampato nella mente e nel cuore il terribile crimine nazifascista, che vide il barbaro omicidio di oltre 560 persone tra cui donne e bambini, alcuni di pochi giorni. Giusto deporre i fiori e altrettanto giusto applaudire ad ogni condanna per i rigurgiti. C’è un però che mostra l’insufficienza di questa e altre ricorrenze. La cerimonia troppo istituzionale si allontana dal sentire delle cittadine e cittadini comuni. Non si possono contrastare il populismo e il nazionalismo con la retorica. Anzi, paradossalmente la retorica, specialmente se espressa da ipocriti, rafforza il populismo e il nazionalismo che appaiono agli ingenui come nuove liberazioni. Inneggiare all’Unione Europa, per i cosiddetti 75 anni di pace cosa neanche vera perché la pace c’è stata dal ’45 al 92 e l’Unione Europea non c’era e dal 1992 i conflitti nel vecchio continente sono tornati dalla ex Jugoslavia all’Ucraina, non aiuta a sconfiggere i nuovi fascismi. L’eredità della Resistenza non è l’Unione Europea ma è la costituzione italiana, purtroppo inapplicata e adesso ancora più limitata per colpa di trattati e parametri imposti proprio dall’Unione Europea. Sentire suonare il Piave e non Bella Ciao ma ancor di più vedere sfilare dei grigi burocrati o peggio ancora dei bugiardi che nei giorni pari salgono a Sant’Anna di Stazzema ma nei giorni dispari strizzano gli occhi agli estremisti di destra o peggio ancora ne prendono in prestito il linguaggio ci conferma una cosa sola: La Resistenza è stata tradita!

Essere antifascisti è un dovere morale ma lo si è sempre, tutti i giorni si è partigiani non per chiamata di un evento istituzionale, non per una parata elettorale.

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


otto × 8 =