Mercoledì assemblea versiliese sulla fase online promossa da COBAS ASIA/USB e Sportello Medico Popolare.

La seconda ondata della pandemia di coronavirus che si sta abbattendo in Italia e in Europa, ha drammaticamente colto impreparato il nostro Paese, con possibili conseguenze persino peggiori rispetto a quanto avvenuto pochi mesi fa. Pochissimo è stato fatto nei mesi estivi per quanto riguarda innanzitutto il potenziamento del sistema sanitario: i reparti covid (in primis le terapie intensive) cominciano già ad essere in sofferenza, manca personale medico e infermieristico e il sistema di tracciamento dei contatti è già in tilt in diverse regioni d’Italia. Anche però le misure economiche approntate dal Governo si stanno rivelando del tutto insufficienti rispetto alla gravità della crisi che si sta per abbattere sul tessuto socio-economico, in particolare, come sempre, sulle fasce più povere della popolazione. I settori popolari sono usciti perlopiù stremati dal primo lockdown di marzo: i vari bonus per stagionali e partite iva, la misera cassa integrazione arrivata quasi sempre con grande ritardo, hanno azzerato i pochi risparmi dei lavoratori più fragili. Per migliaia di famiglie, basti pensare a tutti coloro che campano con l’economia informale (lavoro nero ecc.), ulteriori restrizioni senza alcun supporto economico significherà la fame.

Ad oggi i settori più colpiti dalla pandemia sono il turismo, il mondo dello spettacolo e della cultura, il mondo dello sport (palestre, ecc.). Nelle scorse settimane, anche con contraddizioni e ambiguità, decine di piazze si sono riempite in tutta Italia per rivendicare maggiori tutele per i settori più colpiti. A fronte di tutto questo, sentiamo fortemente la necessità di un confronto rispetto alla fase drammatica che stiamo vivendo, per capire come potersi organizzare anche sul nostro territorio per rivendicare quello che ci spetta. Ci appare evidente infatti che, quando tutto questo sarà finito, non ci sarà nessun ritorno alla normalità (che comunque neanche ci auguravamo): la pandemia segnerà inevitabilmente un prima e un dopo, anche e soprattutto a livello socio-economico. Ci attendono tempi a dir poco difficili. Per questo è assolutamente urgente cominciare fin da subito un percorso il più possibile unitario che coinvolga in primis i lavoratori e le lavoratrici del turismo, della sanità, della scuola, dello spettacolo, della cultura e degli appalti, le famiglie in emergenza abitativa, ma anche le realtà politiche, sociali e sindacali della Versilia per riuscire quanto prima a far emergere le nostre istanze, a partire dalle parole d’ordine che già nelle ultime settimane hanno cominciato a prendere piede: la rivendicazione di un reddito di emergenza universale, che permetta a tutte e tutti di superare la crisi sanitaria ed economica, e l’istituzione di una patrimoniale sui grandi capitali, perché non devono essere sempre i più poveri a pagare i costi della crisi ( se come dicono siamo tutti sulla stessa barca, chi ha di più deve dare di più!).

Per discutere di tutto ciò invitiamo quindi tutte e tutti a partecipare all’assemblea online che si svolgerà mercoledì 11 novembre alle ore 21.

Cobas Lavoro privato Versilia

Asia-Usb Viareggio

Sportello medico popolare

Qui sotto il link per partecipare alla riunione mercoledì 11 alle 21

https://meet.jit.https://meet.jit.si/Assembleacontrolacrisisi/Assembleacontrolacrisi

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


7 + = tredici