Potere al Popolo contesta le parole dell’assessora al sociale del comune di Pietrsanta e chiede un aiuto per i senza casa.

“Negli scorsi giorni è stata resa nota la situazione di indigenza di 4, forse 5 persone, accampate alla meglio peggio dietro i locali dell’ex ospedale Lucchesi, da parte del sindacato ASIA USB.

Con sospetto tempismo, soltanto il giorno dopo l’avvenuta denuncia, le forze dell’ordine si sono presentate sul posto ed hanno intimato agli occupanti, già in condizioni molto precarie, di andarsene.

Nessuna alternativa, nessun posto dove andare, mentre fuori c’è freddo e piove pure.

Apprendiamo dai giornali che nella giornata di ieri (14 dicembre) queste persone sarebbero state cacciate definitivamente.

Le scuse della vicesindaca ed assessora al sociale, Elisa Bartoli, suonano come una presa in giro: parla di soggetti restii ad essere aiutati e di un elemento in particolare che sarebbe stato messo a dormire in albergo mesi or sono, ma che se ne sarebbe poi andato.

Vero o no, non ci sembra che una sola persona a cui è stata data la possibilità di un tetto, possa rappresentare anche tutte le altre.

Ma Elisa Bartoli rincara la dose, parlando di un iter durato ben nove mesi! Nove mesi di cosa? Sopralluoghi, burocrazia? Noi abbiamo capito che in nove mesi non è stata trovata la benché minima soluzione per queste persone. L’assessora poi conclude con parole degne d’un padroncino, d’una amministratrice di condominio:”Non potevano stare lì.”

In nove mesi non è stata trovata loro una sistemazione, mentre il Comune si attarda nelle decorazioni natalizie, nell’installazione di un nuovo velox sulla provinciale Vallecchia e nell’inaugurazione di staccionate.

Ci uniamo alla denuncia presentata da ASIA USB e successivamente dal PCA e chiediamo che queste persone vengano rintracciate e che venga loro trovata una sistemazione al più presto, considerate le temperature ed il clima di questi giorni.”

Potere al Popolo Versilia

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


4 + otto =