Apre l’anno giudiziaro e i familiari della strage di Viareggio fanno sentire la loro voce sotto il tribunale di Firenze.

In occasione dell’apertura dell’anno giudiziario, i familiari della strage di Viareggio si sono recati presso il tribunale di Firenze per protestare contro la sentenza emessa dalla cassazione di Roma lo scorso 8 gennaio. Presto a Firenze si tornerà in corte d’appello per giudicare nuovamente i responsabili di una strage che costò la vita a 32 persone innocenti.

L’associazione “Il Mondo che vorrei” ha inviato, anche, una lettera al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al Prsidente del Consiglio Giuseppe Conte e al ministro delle infrastrutture e dei trasporti Paola De Micheli. Come oggetto della missiva le nomine di alcune persone indagate per reati gravissimi al ruolo di commissari straordinari per le grandi infrastrutture. Non si capisce perché persone responsabili di morti come il disasto di Pioltello – Rodano o del crollo del ponte di Aulla devono essere premiati?

L’associazione il Mondo che Vorrei confida, e aggiungiamo noi giustamente, che queste decisioni siano riviste nel rispetto delle persone che hanno perso la vita.

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


quattro × = 16