Comunicato congiunto di varie realtà ambientaliste contro passaggio dalla Leccione della ciclovia tirrenica.

CICLOVIA TIRRENICA: NO AL PASSAGGIO ALLA LECCIONA!COMUNICATO CONGIUNTO

Ciclovia Tirrenica? Sì, grazie…purché passi dal Viale dei Tigli. Le infrastrutture verdi possono rappresentare un’ottima opportunità per una svolta nel nostro modo di vivere e nell’ottica di un turismo più sostenibile, ma non se vanno ad interessare aree che si sono salvate dal processo di urbanizzazione che ha caratterizzato tutto il nostro litorale. Certo che è bello attraversare in bicicletta zone con boschi, lame e dune, ma non si chiede l’Assessore Pierucci perché tutta questa meraviglia della natura sia ancora lì? Se Lui ha ancora dubbi, per noi la ragione è molto chiara: quella è l’unica zona di Viareggio in cui non si è costruito perché sottratta al transito stradale che avrebbe dovuto collegare la Marina di Levante con quella di Torre del Lago. Questo è stato il vero ostacolo che ha impedito la cementificazione dell’area, sottraendola al destino subito dal resto della costa, con stabilimenti balneari e costruzioni residenziali che in alcuni casi hanno deturpato e compromesso le poche aree verdi rimaste (città Giardino docet).Per tale motivo negli ultimi 40 anni ci siamo opposti a qualunque ipotesi di intervento, anche alle piste ciclabili che, con un’operazione di puro greenwashing , potrebbero compromettere definitivamente il destino della Riserva naturale della Lecciona. Le nostre iniziative hanno mobilitato migliaia di persone a firmare le petizioni contro tale scempio, e l’hanno fatto nella consapevole certezza che quello sarebbe stato l’inizio della fine del “Vialone”, un luogo del cuore per la popolazione di Viareggio e uno spazio fruibile per chiunque voglia ritemprarsi e riscoprire i colori, gli odori, le sensazioni che solo la natura selvaggia e priva di infrastrutture può dare.L’assessore parla di “accorgimenti progettuali specifici” che dovrebbero attutire l’impatto di questa opera, senza pensare che questa già costituisce di per sé una pesante forma di “impatto” per il solo fatto di essere una infrastruttura stabile -soggetta a continua manutenzione e con standard da rispettare- che collega la Francia con la Toscana e il centro Italia e che sarebbe realizzata su un ambiente di estrema fragilità, che sta faticosamente tentando di ricucire la cesura esistente tra il bosco e la duna, creata dalla massicciata del Vialone e che invece sarebbe resa definitiva. La funzione ecologica della ciclovia sta nell’essere un’alternativa al traffico veicolare non certo quella di interrompere la connettività di una riserva naturale!Non esiste una sola valida ragione per cui la ciclovia tirrenica non debba trovare la propria sede nel luogo più adatto, dove esiste già una infrastruttura ciclabile e che rappresenta il naturale collegamento tra Viareggio e Torre del Lago: il Viale dei Tigli! Una infrastruttura viaria già in grado di soddisfare le esigenze di un itinerario ciclabile: ombreggiata, in parte già illuminata, percorribile in ogni stagione, dotata di punti di ristoro, facilmente raggiungibile dal ponte girante e dalla passerella Luciana Pacifici e in grado di collegare direttamente il capoluogo con la frazione di Torre del Lago, svolgendo quindi un importante ruolo anche per la mobilità urbana. La realizzazione della ciclovia sul Viale dei Tigli consentirebbe, infine, una diversificazione dell’offerta turistica, promuovendo sia il turismo naturalistico verso i parchi nella riserva della Lecciona, sia il cicloturismo di lunga percorrenza, con il risultato di valorizzare lo stesso Viale dei Tigli e la Villa Borbone, oltre a indirizzare nuovi clienti verso la comoda fruibilità dei campeggi.Proprio perché non vogliamo rinunciare a questo splendido angolo di nostrana wilderness, ora che abbiamo sperimentato sulla nostra pelle quanto sia stato nefasto violentare la natura e, al tempo stesso, compreso il conforto che si può ricevere dal contatto con le sue diverse manifestazioni, ma solo a condizione che se ne conservi l’integrità, non accetteremo quindi di rinunciare passivamente ad un luogo di così grande valore naturalistico per favorire il rilancio di un’economia turistica invadente ed incapace di preservare la bellezza di cui si nutre.

Amici della Terra Versilia

Associazione Tutela Ambientale della Versilia

Comitato per la Salvezza della Pineta di Viareggio

F.F.F. (Fridays For Future) Versilia

Italia Nostra Versilia

Legambiente Massa e Montignoso

Legambiente Versilia

WWF Alta Toscana

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


+ 1 = cinque