Azione di PaP all’ex colonia Laveno a Pietrasanta. Critiche a Giovannetti e Mallegni per sgomberi, abbattimento di tigli, chiusura PCA e molto altro.

“Il fallimento della litigiosa e antipopolare giunta Givannetti è sotto gli occhi di tutti. Persone senza fissa dimora sgomberate da dietro l’ex ospedale Lucchesi, riaffermando ipocritamente che il decoro viene prima dei diritti e del sociale. Intanto la città è un cantiere a cielo aperto con notevoli disagi per i cittadini e per chi deve attraversarla. Sottopassi che si allagano, edifici scolastici che chiudono. Il Progetto Comunità Aperta, strumento utilissimo nell’aiutare i tossicodipendenti a provare a liberarsi del loro problema chiuso nonostante le promesse. E adesso i 24 tigli di Piazza Statuto che si vuole abbattere contro il buonsenso e il volere della cittadinanza. In maggioranza litigano ma il sindaco rimane incollato alla sua poltrona prendendo ordini dal vero boss della città, il senatore e suo ex assessore Massimo Mallegni. Quel Massimo Mallegni, sempre pronto ad attaccare le esperienze che nascono dal basso come la Casa Rossa Occupata di Montignoso. Quel Massimo Mallegni che ad inizio pandemia in modo irresponsabile diceva di tenere tutto aperto. Pietrasanta merita di meglio di questa classe dirigente che fa saluti romani ai funerali e che pensa solo a nuove speculazioni. Purtroppo l’alternativa non può venire nemmeno dal Partito Democratico incapace di ascoltare le vere esigenze della città. Pensiamo che Pietrasanta possa rinascere solo mettendosi in movimento e denunciando tutto quello che non va a partire dagli spazi in degrado e abbandono. Oggi per celebrare il 25 aprile festa di liberazione noi lo abbiamo fatto attaccando alcuni striscioni ad uno stabile simbolo come l’ex Colonia Laveno Mombello – Richard Ginori sul viale Apua, chiusa da troppo tempo e che potrebbe essere recuperata nell’interesse di un’intera comunità.”

Potere al Popolo Versilia

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


− otto = 1