“Suoni no Asse in pineta” un’altra giornata di artivismo al Museo Popolare Gïåk Vërdün

SI è svolta, sabato 22 agosto presso, il Museo Popolare Gïåk Vërdün, “Suoni no asse in pineta” una giornata intensa di artivismo finalizzata a mettere in risalto l’importanza del suono nella pineta minacciata dal progetto speculativo dell’asse di penetrazione. La giornata è iniziata la mattina con il workspop “Mettiamo un punto di annullamento alla devastazione dell’artista reodadista milanese Nicola Bertoglio.

Nel pomeriggio passeggiata “No Asse” è stata accompagnata da cinque pezzi facili e difficili per cinque alberi e per dei pomodori rossi: musica deambulante del gruppo Istanti sonori.

Sono stati inaugurati altri alberi da artista: “Più Amazzonia, meno Amazon” di Lozzo; “Cuore di dolore” realizzata da Alessandro Giannetti, ispirata ad un’opera di Murat Onol; “Vibrating Colours” di Laura Serafin; “Non chiudiamo la porta ai mitici alberi” di Elena Baroni; “Compagni di ripari” di Yuri Berra e Tommaso Verde.

Poi vi sono state le performance “Mio il corpo, nostra la Terra parte seconda.” a cura delle R3odadaiste, con musica di Sara Fontana e voce di Isolina Ravenda; e la performance di Gigi Blù e i suoi amici dal titolo: “sogni traditi di un bambino.” Ad arricchire la giornata è stata soprattutto la presenza di Tommaso Verde, per l’occasione Tom Verdun, che ha letto le poesie di GiaK Verdun.

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


6 − tre =