Repubblica Viareggina: “Bene che il corteo per la Lecciona parta dallo stadio, abbandonato da Del Ghingaro. Noi saremo in piazza con l’ecosocialismo.”

“Coerentemente al nostro percorso ecosocialista, che ci ha caratterizzato fin dalla nostra nascita, parteciperemo il prossimo 4 settembre, al corteo promosso dal Coordinamento “La Lecciona non si tocca.” A difesa di quella riserva naturale e dell’intero parco invitiamo a partecipare l’intera cittadinanza. Non è possibile tollerare un’ulteriore antropizzazione di quel territorio con una ciclovia che non ha alcun bisogno di passare da lì, visto che ha già il suo naturale percorso nel viale dei Tigli. Nessuno può quindi accusarci di essere quelli del No visto che chiediamo che il Viale dei Tigli sia definitivamente chiuso al traffico e divenga a tutti effetti una ciclovia. Siamo anche contenti di sapere che il corteo in difesa della Lecciona partirà dallo stadio dei pini lasciato in stato di abbandono da questa amministrazione che ha fatto solo promesse in merito. Mancano gli impianti sportivi ma in compenso sappiamo dove andare a fare la spesa, dato che che ogni 500 metri c’è un centro commerciale e temiamo che presto anche il Piazzone del mercato subisca la stessa sorte. Una città di oltre 60000 abitanti che non ha piscina e stadio comunale crediamo sia più unica che rara in tutta Italia. Del Ghingaro passerà alla storia come il sindaco che ha fatto chiudere questi impianti sportivi. Compito di chi vi oppone e quindi anche il nostro è di non farlo passare alla storia anche come il sindaco che distrusse il parco.”

Repubblica Viareggina

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


5 + tre =