Presidio, a Viareggio, di FGC e ULPC contro ingiustizie, licenziamenti, repressione ed emergenza sanitaria.

Si è svolto domenica 24 ottobre a Viareggio un presidio promosso dal Fronte della Gioventù Comunista e dell’Unione di Lotta per il Partito Comunista (ULPC) a cui hanno partecipato anche compagne e compagni di altre realtà. Sono stati distribuiti centinaia e centinaia di volantini e sono stati fatti interventi dal microfono. Questo il testo del volantino distribuito.

Le elezioni passano … i problemi veri restano!

“La crisi pandemica e la gestione capitalistica dell’emergenza sanitaria dimostrano incapacità e malaffare del sistema di far fronte ai bisogni essenziali della classe lavoratrice e della maggioranza della popolazione. In nessun modo il carattere imprevisto e contingente del ‘Covid-19’ può nascondere, o far passare in secondo piano, le responsabilità dei governi che hanno subordinato la salute e la sicurezza della popolazione agli interessi del profitto e del mercato. 132mila sono le Vittime per l’inadeguatezza delle misure sanitarie di contenimento dei contagi, dei servizi sanitari devastati, di una politica di privatizzazioni e taglio del personale, dell’attacco alla spesa sociale e ai servizi socio-sanitari sul territorio. La situazione drammatica in sanità è stata la principale alleata del ‘coronavirus’; tornare alla precedente ‘normalità’ vuole dire perpetuare le stesse condizioni (smantellamento della sanità pubblica, solidale e universale) che hanno determinato l’immane tragedia. Le misure sul “green pass” sono la foglia di fico dietro cui si nascondono un governo e uno Stato che non hanno voluto assumersi neppure la responsabilità di istituire un obbligo vaccinale. Misure ipocrite, che si inseriscono nel contesto della tendenza crescente dello Stato e dei governi a disimpegnarsi da una gestione pubblica di emergenza sanitaria. Il possesso del green pass vincola l’accesso a servizi essenziali e diritti fondamentali, dal diritto al lavoro al salario, dai treni alle università, diventando nei fatti una fonte di discriminazione e divisione, in particolare, tra i lavoratori nei luoghi di lavoro. Il TUTTO in una situazione dove sono in forte aumento povertà, precarietà, licenziamenti, disoccupazione, morti e feriti sul lavoro, repressione, costo della vita, disuguaglianze, ingiustizie. La lotta contro il governo Draghi va sottratta alla finta polarizzazione tra sostenitori e “cospirazionisti”, tra integralisti Si-Vax e negazionisti No-Vax (una divisione utile alle forze di governo e padronali), con l’impegno di porre al centro il terreno dello scontro di classe, sino a imporlo con la forza della lotta cosciente e organizzata di lavoratori, disoccupati, precari, pensionati, studenti. Denunciaree smascherarela politica reazionaria di Confindustria e del governo Draghi, organizzarsi e mobilitarsi, solidarizzare e sostenere le lotte operaie e proletarie. Come alto deve essere il sostegno alla lotta degli operai della Gkn di Firenze che dal 9 luglio hanno promosso una straordinaria mobilitazione sino alla manifestazione dei 40miladel 18 settembre. PURTROPPO la Gkn non è il solo caso di pesante attacco al posto di lavoro, PURTROPPO è un singolo caso dove vi è stata una risposta così forte. Compito dei comunisti organizzati è unire le proprie forze e favorire ogni forma unitaria di classe, utile a rafforzare il fronte della lotta e a dar vita, nei fatti più che con sigle e proclamazioni, a un fronte unico di classe da contrapporre al fronte unico dei capitalisti che governa il paese.”

NELLA GUERRA TRA POVERI VINCONO I RICCHI!

Fronte della Gioventù Comunista (FGC)

Unione di Lotta per il Partito comunista (ULPC)

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


+ 9 = quattordici