Ben tredici realtà ambientaliste si uniscono a Pietrasanta per contrastare il progetto di 90.000 metri quadrati di cemento.

Stamane venerdì 18, presso il circolo ARCI CRO di Valdicastello a Pietrasanta si è tenuta una conferenza stmpa promossa dal Coordinamento Ambientalisti composto da ben tredici realta ecologiste tra comitati e associazioni: Comitato Tallio Valdicastello, Comitato Le Voci degli Alberi, Comitato contro la discarica ex cava Viti, Associazione Tutela Ambiente Versilia, Italia Nostra, Comitato Indipendente per la trasparenza e la Partecipazione Seravezza, Apuane Libere, WWF Alta Toscana, Extincion Rebellion, Comitato Salvaguardia e Tutela del Bosco delle Pioppete e zone Limitrofe, Legambiente Versilia, Amici della Terra Versilia.

“Il tempo è poco” è stato detto dai partecipanti alla conferenza stampa. “Poco per realizzare quell’inversione di tendenza nel progettare la qualità della vita dei cittadini di Pietrasanta e dei turisti in visita alla nostra città. Poco tempo perché ogni giorno che passa è un giorno in meno per mettere uno stop alla sopraffazione dell’ambiente a favore degli interessi dei pochi producendo un’inevitabile dispersione del patrimonio che dovrebbe invece appartenere all’insieme degli esseri viventi: umani, animali, vegetali; poco tempo per fermare il consumo di suolo che si vuole giustificare col canto delle sirene dello sviluppo economico e che invece genera un reale impoverimento di tutti noi, non solo per i danni ambientali diretti, ma per l’effetto domino che partendo dall’albero abbattuto, passa dal bosco tagliato alla discarica incontrollata, dall’escavazione selvaggia all’antropizzazione del lago, e via così in una catena consequenziale incontrollata che cresce, moltiplica i danni e sfocia inevitabilmente nel riscaldamento globale, nel cambiamento climatico, nello scioglimento dei poli, nella desertificazione. No, non è un’esagerazione: il tempo è finito. Il cambiamento deve iniziare qui, adesso, su ogni territorio, sulla nostra terra, sul nostro comune. Perché tutto è collegato: mare, lago di porta, Versiliana, pinete, pioppete, singole piante e alberi in filare, aree agricole, montagne, falde acquifere, tante situazioni diverse da tutelare, da preservare che vanno a costituire un unicum armonioso e collegato. Per questo anche noi abbiamo sentito il bisogno a nostra volta di collegare le molte organizzazioni ambientaliste impegnate in città, sulla Marina, nelle frazioni e nei quartieri del comune di Pietrasanta in un grande Coordinamento Ambientalista: perché ogni situazione presidiata è comunque unita alle altre e perché gli appetiti generati dal PNRR e dalle enormi disponibilità finanziarie conseguenti agli interventi dedicati agli investimenti post covid hanno già messo in moto una macchina speculativa che non avrà alcuno scrupolo a produrre devastazione e cementificazione con il solo scopo del lucro immediato. Oggi non possiamo più permetterci divisioni, particolarismi, distinguo: la consapevolezza di ciò ci ha portati in tempi rapidissimi a condividere un percorso comune, obiettivi comuni, ha prodotto una grande intesa che non può prescindere dall’indipendenza da qualsivoglia organizzazione partitica, ma che è in grado di completare la conoscenza del territorio, delle specifiche situazioni e delle competenze che ogni organizzazione ha sviluppato nei molti anni di militanza con una visione d’insieme in grado di individuare e rappresentare tutte le sinapsi presenti sul territorio.” Insomma parole chiare e decise che lasciano intendere che la battaglia ambientalista a Pietrasanta è destinata a farla da protagonista anora. Intanto il 15 marzo al CRO di Solaio c’è stata una assemblea del costituendo Comitato per Cava Ceragiola, che potrebbe aggiungersi assieme ad altre organizzazioni locali e nazionali, alla lotta per opporsi alle storture del piano strutturale e del piano operativo del Comune di Pietrasanta che prevedono nuove costruzioni per oltre 90.000 metri quadrati che andranno a invadere territori fragili e preziosi per favorire urbanizzazioni e lottizzazioni, ampliamenti di aree artigianali e commerciali.

Seguiremo con la massima attenzione lo sviluppo di queste realtà.

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


uno × = 4