Omaggiato Antonio Gramsci, a Viareggio, nell’ottacinquesimo anniversario della sua morte.

“Agitatevi perché avremo bisogno di tutto il vostro entusiasmo. Organizzatevi perché avremo bisogno di tutta la vostra forza. Studiate perché avremo bisogno di tutta la vostra intelligenza”.

Antonio Gramsci

La saggezza del compagno Gramsci, rimane un bene prezioso per chiunque voglia contrastare gli sfruttatori e cambiare questa società capitalista. Il lavoro politico e culturale del pensatore sardo è riconosciuto persino dal nemico; il quale, nel corso degli anni, ha provato con operazioni revisionistiche a riappropriarsi del suo pensiero per renderlo compatibile con quello dominante. Perciò ricordare Gramsci e difenderlo dal revisionismo è un valore importante.

Mercoledì 27 aprile alle ore 17.30, nella pineta di ponente di Viareggio, di fronte alla stele in ricordo di Gramsci, si è tenunto un omaggio con alcuni interventi. La stele è stata collocata davanti alla Capannina, luogo, dove il 15 agosto 1947 il premio letterario Viareggio fu assegnato alle “lettere dal Carcere” di Gramsci.

L’iniziativa promossa dalla sezione ANPI di Viareggio, dal Circolo ‘Partigiani sempre’ Tristano Zecanowski ‘Ciacco’ di Viareggio, dal Cantiere Sociale Versiliese e dal Centro di Documentazione ‘Gino Menconi ha visto la partecipazione di una cinquantina di compagne e compagni.

A 85 anni dalla morte di Antonio Gramsci, avvenuta il 27 aprile del 1937, dopo una lunga malattia non curata a causa della reclusione nelle carceri fasciste, rileggere il suo pensiero è utilissimo anche per la drammatica fase che stiamo vivendo.

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


5 × = quindici