Assolti in formula piena gli ultimi due imputati tra chi contestò Salvini nel 2015. Esultanza tra i compagni viareggini.

L’assoluzione in formula piena degli ultimi due imputati rimasti nel processo per la contestazione a Matteo Salvini nel 2015 ha provocato numerose reazioni tra i compagni che noi naturalmente pubblichiamo. Ad intervenire sul suo profilo facebook è proprio uno dei due imputati Alessandro Giannetti.

QUANDO DUE UOVA BLOCCARONO UNA RUSPA

Si è concluso l’ennesimo processo farsa per la contestazione Viareggina al comizio elettorale di Matteo Salvini del 2015 in cui, insieme ad un altro compagno, ero coinvolto: “ASSOLTI PER NON AVER COMMESSO IL FATTO “, la sentenza della Giudice . Il primo dato che appare immediatamente agli occhi è che il sig. La Grassa e la Sig.ra Montemagni hanno mentito. Come dimostrano le 10 ore di filmati prodotti dalla questura non ho lanciato alcun sasso, tantomeno quello che avrebbe ferito al polpaccio la sig.ra Montemagni, talmente offesa che nonostante i 6 giorni di referto ha continuato a ballare e starnacchiare sul palco leghista per il resto del pomeriggio. La verità giuridica di quei fatti è dunque stata ripristinata grazie soprattutto all’egregio lavoro degli avvocati difensori: Filippo Antonini e Francesca Trasatti che ringrazio infinitamente. Ovviamente per non continuare a spendere denaro pubblico per altri processi, non attaccheremo chi, per sconfitta politica , ha mentito e dichiarato falsità per tutti questi anni, anche se confesso che le scuse dei leghisti Montemagni e La Grassa sarebbero gradite, non a me, ma alla collettività tutta, che a causa delle loro menzogne ha dovuto spendere risorse pubbliche e sostenere un processo. Il dato però più importante è la verità storica di quel giorno. Grazie ai filmati è stato possibile misurare con più precisione la risposta della Viareggio che mi piace all’ arroganza e alla violenza delle posizioni che venivano urlate dai leghisti.Da quel palco infatti, tra un Borghi che faceva nomi e cognomi di compagni accusandoli in malafede di fatti non commessi, e mentre Salvini and company gridavano “LEGGE RUSPA” invitando all’uso di violenza contro Profughi e Rom, ad applaudire erano si e no 40 leghisti. A contestare invece, richiamati dal dissenso e spirito civico contro l’apologia all’odio razziale e di classe, sono intervenute circa 500 persone, tra compagn* e cittadin* che hanno letteralmente circondato il palco e dimostrato democraticamente che a Viareggio leghisti e ruspe non passano. Questa secondo me è l’immagine che non deve mai essere dimenticata, una città tollerante e antirazzista che con due lanci di UOVA e tanta decisione ha rispedito a casa la politica della Ruspa. Proprio oggi che vediamo solidarietà verso i Profughi delle guerre europee, sono orgoglioso di appartenere a quella città .Concludo rinnovando i ringraziamenti agli avvocati e ai compagni e alle compagne che in questi anni ci hanno sostenuto con la loro solidarietà e augurandomi che in futuro quella Viareggio antirazzista prenda come esempio quella giornata. Anche mentre sembra tutto impossibile, a volte 2 uova possono sconfiggere una ruspa.

Alessandro Giannetti

Ironico in stile reodadista il Collettivo “Dada Boom” di cui fa parte Alessandro Giannetti

“Dal canto del gallo, stamane, ma soprattutto, poi, dal fatto che le galline insurrezionaliste hanno deposto il doppio delle uova ci siamo accorti che sarebbe stata una bellissma giornata. I riti reodaisti nel cimitero di Ponte San pietro hanno propiziato la magnanimità degli dei. La sentenza di assoluzione emessa dal tribunale di Lucca per i due imputati che contestarono Salvini appariva scontata perché decisa nell’Olimpo. Ancora una volta il solito PM Mariotti esce sconfitto. Abbiamo perso il conto dei processi che ha perso questo signore contro di noi. Abbiamo, invece, ben chiaro l’amarezza dei leghisti a cui consigliamo di addolcire la pillola con un uovo sbattuto e un paio di cucchiaini di zucchero. Uno degli imputati ha detto: “Le uova hanno fermato la politica della ruspa.” E noi rilanciamo augurandosi che possano fermare anche la politica della guerra, perché se non ci piacciono i razzisti leghisti non ci piacciono nemmeno i guerrafondai democratici. Se necessitano altre uova le nostre amate pollastre si rimetteranno al lavoro. La lotta paga!”

Collettivo “Dada Boom”

Sulla vicenda intervengono anche Repubblica Viareggina, Potere al Popolo Versilia, Cantiere Sociale Versiliese.

Molto Bene. Assolti in formula piena anche gli ultimi due imputati rimasti nella farsa del processo Salvini bis. E dato che era un processo politico questa è una vittoria politica di tutto il movimento antirazzista viareggino. Ci piacerebbe vedere, adesso, la magistratura procedere penalmente verso quei leghisti, e ci sono nomi e cognomi, che minacciarono di lanciare sassi al giudice che emise la sentenza di assoluzione a tutti e ventisette gli imputati del primo processo. Una vittoria politica per il movimento antirazzista che ha contrastato la repressione e una sconfitta politica per il gruppo dirigente della Lega a partire da Massimiliano Baldini.”

Repubblica Viareggina

“Esprimiamo soddisfazione per la assoluzione in formula piena dei due imputati nel processo Salvini Bis a Lucca. Nel maggio 2015 le politiche razziste di Salvini venivano, giustamente, contestate in tutta Italia e Viareggio non fece eccezione. Il tentativo di reprimere chi esprime dissenso, almeno questa volta, è miseramente fallito. Ci dispiace solo si sia proseguita, in modo ostinato, una farsa che è costata soldi alla cittadinanza tutta. Ci auguriamo ora che su questa vicenda sia messa definitivamente la parola fine.”

Potere al Popolo Versilia

Assolti per non aver commesso il fatto! finisce così l’ultimo processo farsa per la contestazione spontanea, popolare e determinata a Salvini del maggio 2015. In cui Viareggio dimostrò il suo volto più bello quello ribelle e antirazzista.Grazie ai solidali agli avvocati e una sonora risata a seppellire le bugie di giornaliste/i conniventi e politici razzisti.

Cantiere Sociale Versiliese

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

One Response to Assolti in formula piena gli ultimi due imputati tra chi contestò Salvini nel 2015. Esultanza tra i compagni viareggini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


sette + = 10