PaP: “Incendio ex Telecom Viareggio: una storia di abbandono ed esclusione sociale.

” E’ di ieri la notizia dell’incendio alla ex sede Telecom a Viareggio, dietro la stazione, da anni rifugio di senzatetto e meta di criminalità.
Perché è questo l’inevitabile destino a cui vanno incontro strutture pubbliche lasciate in stato di abbandono, di cui Viareggio trabocca.
Questo genere di “incidenti” accade proprio perché molte persone, che non hanno dove trascorrere la notte e dove ripararsi dal freddo, si trovano costrette a rifugiarsi in strutture non idonee.
Possiamo tranquillamente affermare che l’assenza di adeguate politiche per il sociale a Viareggio sia in buona parte causa di certe vicende.
A fronte di una emergenza abitativa sempre più grave, che andrà peggiorando col sopraggiungere dell’inverno e con le politiche antipopolari del Governo Meloni, a Viareggio sono innumerevoli le case abbandonate, ma in buono stato, che potrebbero essere recuperate e destinate a tamponare il problema dell’emergenza abitativa.
Il disagio sociale viene sempre affrontato (e male, tra l’altro) come un problema di ordine pubblico, anziché un problema sociale: dove infatti non vice il totale disinteresse, come nel caso della ex Telecom, l’amministrazione Del Ghingaro preferisce nascondere la polvere sotto il tappeto sgomberando i luoghi (qualora fossero occupati) e murandone gli accessi.
Sono tuttavia comprensibili anche le preoccupazioni dei residenti della zona, ma non è gettando la gente in mezzo alla strada, o fingendo che non esista un disagio sociale, che si persegue il tanto agognato decoro.
Non è lasciando i luoghi in stato di abbandono che si combattono degrado e criminalità.
Da anni Potere al Popolo, insieme ad altre organizzazioni sul territorio, si batte perché il disagio e l’emergenza abitativa a Viareggio vengano affrontati come un probema sociale, anziché come una questione di ordine pubblico o anziché ignorarne direttamente l’esistenza, come più spesso accade.
L’incendio alla ex Telecom è solo l’ultima vicenda sintomo di abbandono dei luoghi e delle persone, mentre solo due settimane fa moriva un senzatetto che “viveva” sotto un cavalcavia.
Così, mentre Giorgio Del Ghingaro è impegnato a far pulire pensiline e a parlare della Juve su Facebook, noi invitiamo Viareggio a fare fronte comune nel pretendere che vengano messe in campo soluzioni serie e dignitose per combattere l’abbandono dei luoghi e delle persone senza casa, talvolta anche costrette alla criminalità per sopravvivere, nell’interesse sia di chi vive questo disagio sulla propria pelle, sia di chi, come i residenti, lo subisce indirettamente, in termini di degrado ed insicurezza.”

Potere al Popolo Versilia

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


5 × = dieci