Residenze negate pronto un esposto alla procura della repubblica

Stamane esponenti di Brigata sociale Antisfratto e Unione Inquilini hanno sostenuto diverse persone che sono andate a richiedere agli uffici dell’anagrafe la residenza.

“Da oltre un anno, nonostante, molte persone senza fissa dimora facciano richiesta di residenza nel comune di Viareggio, presso l’ufficio anagrafe, presentando gli appositi moduli viene loro puntualmente negata la possibilità di ottenerla. La negazione della residenza comporta, di fatto, l’impossibilità di accedere ad alcuni diritti fondamentali di un cittadino come il diritto di voto, se italiani, o il diritto di avere un medico della mutua, ecc..” Ci fanno notare quelli della Brigata Sociale Antisfratto, i quali continuano:La delibera n 717 del 21 novembre 2003, votata dalla giunta Marcucci, stabilì che il comune di Viareggio concedesse a chi fosse in possesso dei requisiti la residenza in via dei Vageri. Il regolamento comunale del 4 novembre 2015 stabilisce che basta dimostrare un legame con il territorio (nascita, parentele, lavoro, ecc..) Chiederemo alla Procura della Repubblica di Lucca se ritenga il caso di disporre gli opportuni accertamenti in ordine a questi fatti per valutare se riscontra la violazione dell’art. 328 del c.p. (omissione di atti d’ufficio) o di altri eventuali violazioni del codice penale. E’ ora che la residenza sia data a chi ne fa richiesta e ne ha i requisiti.”

Posted in Senza categoria | Leave a comment

La ludoteca Indiani del quartiere ha segnalato all’ufficio anagrafe la necessità di residenza per una madre e i suoi figli

La ludoteca Indiani del quartiere ha voluto segnalare protocollato all’ufficio anagrafe e all’assessore al del comune di Viareggio welfare Gabriele Tomei la necessità di residenza per una madre e i suoi due piccoli bambini. Pubblichiamo integralmente la loro richiesta.

“La ludoteca popolare indiani del quartiere vorrebbe portare a conoscenza della drammatica situazione in merito alla questione della mancanza di residenze per alcuni cittadini (anche minorenni) che vivono nel comune di Viareggio.
In questi mesi hanno usufruito dei nostri servizi gratuiti decine di genitori e bambini tra cui una madre e i suoi due figli (minori di 2 e 4 anni) nati e vissuti nel comune di Viareggio che oltre ad avere problemi abitativi hanno l’esigenza di cure mediche (logopedia e pediatria) e dell’avviamento al percorso scolastico, diritti sanciti dalla costituzione e che le istituzioni dovrebbero garantire.
I nostri volontari hanno già avviato per i bambini un intervento pedagogico e logopedico ma senza residenza non possono accedere in maniera rapida e risolutiva al servizio pubblico di cui hanno un enorme bisogno.
Vi invitiamo dunque a risolvere la situazione esposta il prima possibile perché la situazione potrebbe aggravarsi molto.”


Ludoteca Indiani del Quartiere

Posted in Senza categoria | Leave a comment

IL CSOA SARS risponde a Re Giorgio

Caro re Giorgio

Ci dispiace che dei vandali ignoti abbiano imbrattato il tuo lindo palazzo,ma si sa, quando si pensa solo agli interessi dei padroni, prima o poi qualche schiavo si ribella…purtroppo non possiamo rivendicare la paternità,o forse sarebbe meglio dire la maternità, del gesto di sfregio al palazzo del potere e pur condividendone i modi e i contenuti, dopo una breve indagine interna in puro stile vecchio P.C.I., dobbiamo purtroppo ammettere che nessuno degli appartenenti allo Spazio Antagonista di Resistenza Sociale (C.S.O.A. S.A.R.S.), ha effettivamente tracciato una delle scritte che ha suscitato più scalpore nella storia politica viareggina.

Poco ci importa se i benpensanti si scandalizzano per un po di vernice facilmente pulibile,visto che i muri cittadini spesso sono imbrattati da concetti ben più vergognosi, fascisti e razzisti,che nulla hanno a che fare con gli ideali a favore dell’ambiente o per il diritto alla casa, alla scuola pubblica e che possibilmente non cada in testa agli studenti,alla sanità gratuita,a una vita dignitosa per tutti,che animano il nostro agire politico.

Dalla sua nascita lo Spazio Antagonista di Resistenza Sociale ha sempre avuto tra i suoi capisaldi la più netta opposizione a qualsiasi progetto di speculazione edilizia, coscenti che quella dell’asse sarebbe stata una delle più devastanti per il territorio e che in cambio non avrebbe effettivamente portato ricchezza alla città ma solo nelle tasche dei soliti noti e della cricca dei loro amichetti.
E non ci vergogniamo di essere ambientalisti, anzi. Da anni ribadiamo che un potenziamento del parco e delle strutture ricettive e turistiche ad esso connesso sono l’unica via di sviluppo realmente percorribile per creare un economia sostenibile e duratura di cui possa godere tutta la cittadinanza,magari con progetti realmente partecipati e non dettati da interessi personali di palazzinari e cementificatori vari.

Civiltà e decoro si possono ottenere solo se si garantiscono dignità e diritti a tutti i cittadini e a tutti coloro che vivono e lavorano nel nostro territorio,non mettendo barriere o costruendo strade inutili ma dando servizi e possibilità effettive di sviluppo in sintonia con le necessità dei cittadini e dell’ambiente.
Caro Re Giorgio,ci dispiace ma proprio non riusciamo ad immaginarci la nostra città come te la immagini tu…noi la vogliamo libera,partecipata,condivisa…colorata,anche da scritte critiche e murales…la tua mente grigia ci sa che sa pensare solo a soldi e businnes…

CSOA SARS

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Grande partecipazione per il finale di Autunno in Cantiere

Sabato 25 novembre si è svolta l’ultima giornata di Autunno in Cantiere dell’edizione 2017

alle ore 18:30 c’è stato il gioco della sfinge a Cura della Compagnia “Giove Teatro”
e alle 19 c’è stato lo spettacolo di Fabio Saccomani Fallocidio proprio indicato per la giornata contro la violenza sulle donne.

Sala piena per Fallocidio che è uno spettacolo dove Fabio ha fatto una performance completamente nudo e alla fine ha fato fuoco proprio al suo pene.

Uno spettacolo crudo, divertente e provocatorio che ha fatto riflettere.

Alle ore 21:30 c’è stato il g rande gioco finale con i colori. “The Big Color Game.”

Per tutto il pomeriggio è stato presente anche lo spazio fuori mercato con i prodotti artigiani e di cibo biologico.

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Signor Aldo Grandi siamo nell’epoca delle fake news non delle purghe staliniane

In risposta all’editoriale di Aldo Grandi che trovate in questo link sotto

La gazzetta di Viareggio

Signor Aldo Grandi siamo nel 2017 in Italia e non negli anni ’30 in URSS, quindi parlare di purghe staliniane e’ semplicemente ridicolo oltre che anacronistico. Capiamo, tuttavia, che c’è chi vive con la testa rivolta al passato in un eterna nostalgia per qualcosa da amare o da odiare poco cambia. Inutile che stiamo a dirle che per noi, che diamo voce a chi viene dal dadaismo, dal trotskismo, dal socialismo libertario e da decine di pensieri eretici l’accusa di stalinismo e’ pure offensiva. Intendiamoci, lei ha tutto il diritto di offenderci dato che l’abbiamo presa in giro e non è neppure la prima volta. Visto che il suo giornale, fatichiamo a chiamarlo così, in passato si è bevuto pure di un sedicente concerto di punx per i rom a Torre del Lago (28 giugno 2016) e udite udite un concerto di Gino Paoli contro il sionismo dentro il laghetto dei cigni nella pineta di ponente (1 agosto 2014)

Lei afferma che Dada Viruz Project le manderebbe comunicati che lei, prontamente, pubblicherebbe. Forse ci confonde con il meravigloso collettivo artistico “Dada Boom” o con altri collettivi ma basta fare una breve ricerca sul motore interno del suo sito per smentirla. Del resto perché chi vuole fare informazione autonoma, come noi, dovrebbe mandare a lei dei comunicati? A noi, come a lei, i comunicati arrivano e non partono.

La vostra attendibilità come testata giornalistica non ha comunque bisogno dell’ok della Pravda anche perché i giornalisti della Pravda sbiancherebbero di fronte ai suoi editoriali. Con Stalin, assassino di comunisti e anarchici, ci vanno, forse, più d’accordo certi personaggi situati alle sue latitudini che noi! Ce n’è anche per Cecco a cena potrebbe chiamarsi tranquillamente: “Ce n’è anche per Beppe o Benito a cena.” Quindi l’accusa di stalinismo la rispediamo al mittente insieme al consiglio di documentarsi prima di scrivere notizie false perché siamo nell’epoca delle fake news non delle purghe staliniane. Si fidi di un consiglio dato da chi non fa il giornalismo di professione ma del media – attivismo da strada e che non ha bisogno di fingersi neutrale ma rivendica di essere di parte perché di parte lo siamo tutti, moralisti e benpensanti inclusi. Noi continueremo a leggerla e a provare compassione per i suoi inviti all’uomo forte che non esiste. Siamo nell’epoca dei Gentiloni, degli Alfano e delle Boldrini, che non piacciono a lei come non piacciono a noi, ma noi sappiamo bene che sempre meglio questi camerieri che i forti Beppe e Benito che cenano con il suo Cecco.

Sia serafico signor Aldo Grandi e accetti lo scherzo con un minimo di imperturbabilità senza scomodare uomini del passato per la sua propaganda.

PS: alla terza riga il grande giornalista ha scritto “a sparato” invece di “Ha sparato” che l'”H” sia stata sequestrata da Stalin?

Dada Viruz Project

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Gruppo Autonomo Viareggio: Giù le mani dal Cantiere Sociale

Il gruppo Autonomo Viareggio ha voluto esprimere la propria solidarietà al cantiere sociale, presso il quale ha anche la sua sede, solidarietà per le ingerenze subite e l’eventuale non rinnovo di convenzione. Lo ha fatto attaccando, durante la partita di Champions League di hockey su pista sabato 25 novembre, lo striscione “Giù le mani dal cantiere sociale.”

Solidarietà al cantiere sociale è giunta anche dall’ex consigliere comunale di Pietrasanta Pietro Lazzerini.

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Ultima occasione al Dada Boom per vedere la mostra di Baldi, Cinquini e Di sacco

Per chi non avesse, ancora, visto l’esposizione di Baldi, Cinquini e Di Sacco l’appuntamento è per il finissage all’Officina “Dada Boom”, di via Minghetti 12 a Viareggio, domenica 26 nombre. Il programma inizia alle ore 18:00 con una tavola rotonda con gli artisti. Saranno presenti tutti e tre gli autori delle opere in mostra, un’
occasione imperdibile per confrontarsi e fare domande.

A seguire buffet e performance artistiche di Ina RIpari e Laura Serafin e altre sorprese.

La Mostra Sara’ Visitabile Per L’ Ultima Volta, Fino Alle Ore 23.00

Officina d’arte fotografica e contemporanea Dada Boom

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Dibattito frizzante al Dada Boom sulla Rivoluzione Russa

Dibattito partecipato e interessante, ricco di interventi vivaci quello promosso da noi di Dada Viruz Project – Informazione Anicapitalista all’officina Dada Boom giovedì 23 novembre. Il tema era “Cosa resta della rivoluzione d’ottobre?” A questa domanda hanno provato a rispondere, per circa tre ore, i compagni del Partito Comunista Italiano, di Sinistra Anticapitalista, del Partito Comunista dei Lavoratori, del Partito della Rifondazione Comunista, di Communia network, di Repubblica Viareggina, della Federazione Anarchica Italiana e tanti altri intervenuti in sala per questa terza e ultima giornata dedicata alla Rivoluzione Russ,a che ha visto nei gioni scorsi anche la proiezione di un video realizzato dal Colletivo Cineasta Comunisti e la presentazione del libro di Marco Ferrando.

 

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Grandi giornalisti che fanno morire l’informazione

Ci sono giornalisti e giornalisti. Ci sono quelli che si documentano e quelli che si bevono ogni cosa e con un copia e incolla fanno un articolo. Poi ci sono dei burloni ma se volete anche dei mediattivisti rompicoglioni, come noi, che se possono sperimentare e mettere in castagna qualcuno lo fanno volentieri. Naturalmente il giornalista serio non ci casca perché si accerta delle cose, magari con una telefonata quello che fa i copia e incolla, invece, si.

L’esperimento, non nuovo, è stato quello di far morire su facebook un personaggio virtuale, tale Marzia di Marte, e dopo che diverse persone hanno espresso condoglianze sul proprio profilo mandare un comunicato ad alcuni giornali. La Gazzetta di Viareggio, senza sincerarsi della cosa, ha pubblicato per intero il comunicato che, tra l’altro, al suo interno conteneva evidenti elementi che avrebbero dovuto fare sorgere dei dubbi. I giornalisti de “La Nazione” hanno, invece, giustamente telefonato per comprendere cosa accadeva e a loro è stato detto che si trattava di una burla.

Dada Viruz Project fa mediattivismo che niente ha a che fare con il giornalismo professionista ma prima di pubblicare una qualsiasi cosa ci documentiamo della sua attendibilità cosa che La Gazzetta di Viareggio, giornale online registrato in un tribunale, ancora una volta non ha fatto. Ci scusiamo con le persone sensibili che possone essere cadute in questo scherzo ma non si trattava di un semplice scherzo bensì di un esperimento sociale per mostrare l’inadeguatezza di una certa informazione online.

Ci spiace solo che Marzia di Marte personaggio virtuale non potrà condividere questo articolo come ha sempre condiviso gli altri in quanto è deceduta a seguito della perdita dell’account.

Posted in Senza categoria | Leave a comment

La Viareggio ultras contro Franco Gargini che con le sue frasi in consiglio ha ferito i familiari della strage

Alla Viareggio Ultras, gruppo ultras che segue la squadra di calcio del Viareggio 2014 nel campionato di calcio di Serie D, le frasi di Franco Gargini sul gas che butta giù le case non sono proprio andate giù, come del resto alla maggioranza dei viareggini. Hanno, quindi, deciso di esporre uno striscione eloquente contro di lui e hanno deciso di farlo proprio sotto il murales allo stadio che ricorda le vittime della strage ferroviaria del 29 giugno.

Posted in Senza categoria | Leave a comment