Il Comitato per la salvezza della pineta e Repubblica Viareggina contro il resort nella tenuta Borbone

Repubblica Viareggina e il Comitato per la Salvezza della Pineta, accomunati dall’idea di mantenimento e difesa dei beni comuni di Viareggio, esprimono preoccupazione per la progettata realizzazione di un resort di lusso – con sauna, piscina, ristorante e quant’altro – nelle strutture della Tenuta Borbone (annunciata in un articolo del “Tirreno” del 21 gennaio scorso). Anche se, a differenza dell’adiacente Villa Borbone, si tratta di edifici e terreni privati, parliamo comunque di reperti inestimabili che testimoniano un pezzo di storia viareggina. Parliamo, inoltre, di una fattoria ottocentesca la quale (anche grazie al Parco) è fortunosamente sopravvissuta, intatta nella sua fisionomia, alle devastazioni di un territorio tra i più sovrappopolati e urbanizzati di tutta la Toscana. Crediamo quindi che vada sì, senza dubbio, tenuta in buon ordine e restaurata; ma, anziché trasformarla in una specie di soggiorno dorato per turisti danarosi, bisognerebbe conservarne, a beneficio di tutti, la destinazione e il volto originario. A Viareggio abbiamo visto già troppe “ristrutturazioni” risoltesi in distruzioni (basti pensare a quante “viareggine”, in centro, sono state completamente rase al suolo, o svuotate di tutta la loro architettura interna, per ricavarne appartamenti destinati a speculazioni immobiliari!), per non temere che anche la Tenuta Borbone possa fare una fine analoga. Se il progetto di cui sopra andrà avanti, la parola definitiva spetterà a Parco e Soprintendenza: e fin d’ora ci auguriamo che queste istituzioni non si piegheranno all’onnipotente logica di “far girare soldi” a tutti i costi, e rispetteranno invece il loro ruolo istituzionale di custodi del patrimonio paesaggistico, architettonico e ambientale che appartiene a tutti noi. Quanto poi all’idea di realizzare, nel contesto del suddetto resort, una spiaggia privata alla Lecciona, non sappiamo davvero se considerarlo una battuta, una provocazione, o un raptus di vera follia, visto e considerato che la spiaggia della Lecciona non solo è, da sempre, integralmente pubblica e libera, ma è anche zona Parco nonché riserva naturale di interesse europeo per le sue caratteristiche ambientali di pregio inestimabile. Sembra che più d’uno, su questi dettagli, soffra di sistematiche amnesie, per cui volentieri ci incarichiamo, adesso e in futuro, di rinfrescargli la memoria!

Comitato per la Salvezza della Pineta

Repubblica Viareggina

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Repubblica Viareggina contro gli avvoltoi di Casa Pound

Avete presente i Grifoni? Sono volatili che stanno a lungo silenziosi tra le rocce delle montagne, ma quando sopraggiunge la fame si gettano in picchiata verso la preda in maniera rumorosa e plateale così che gli altri compagni possano avvistarlo dalle rupi e correre a banchettare insieme all’avvoltoio urlante!
Pensando al comunicato relativo ai fatti di Viareggio di Casapound ci è venuto in mente questo animale ( senza offesa per il Grifone, uno degli avvoltoi più belli a nostro avviso ).
Ma proprio come avvoltoi si sono lanciati sui tragici fatti di cronaca in maniera prepotente e fragorosa alla ricerca di seguaci per fini politici.
Allora, vedete Casapoundisti, o come diavolo vi chiamate, a Viareggio esistono da anni soggetti, realtà, persone che lottano per tante cose che attanagliano questa città; casa, scuola, diritti sociali come la residenza, salute, qualità dell’aria, difesa dell’ambiente, beni pubblici e questi soggetti/realtà/persone negli anni hanno messo l’antirazzismo e l’antifascismo sempre al centro delle proprie vertenze e delle proprie lotte. 
Hanno creato spazi, luoghi di condivisione, eventi per vivere con la città e con i suoi abitanti tradizioni e momenti di solidarietà.
Conosciamo la città il suo tessuto sociale le sue contraddizioni i suoi lati belli e anche i brutti, le problematiche ma anche le cose che funzionano e che tentiamo nel nostro piccolo, di migliorare.
Ciò per dirvi che qui voi non ci siete, non ci siete mai stati e mai ci sarete.

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Il Cantiere Sociale Versiliese solidale con i denunciati di Massa che contestarono Salvini

Continuano a fioccare provvedimenti per chi si oppone al “modello Salvini”.
A poco tempo dal termine del processo ( 14 Dicembre 2018) che ha visto assolvere 28 viareggini/e da capi d imputazione ridicoli, oggi a farne le spese sono compagni/e di Massa e Carrara che il solito giorno del 2015 contestarono l’arrivo dell’attuale ministro degli interni.
Nuovamente la campagna “denigratoria” da parte dei media,continua con la pubblicazione di nomi e cognomi sugli organi di stampa delle persone che probabilmente verranno ascoltate dal giudice.
A questi/e va tutta la nostra solidarietà e vi assicuriamo che non sarete mai soli/e.
Come sempre, complici e solidali!
Mai un passo indietro #Maiconsalvini#Maiconlalega  

Cantiere Sociale Versiliese

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Laboratorio di cartapesta al Dada Boom

Inizia lunedì 11 febbraio alle ore 19 presso l’officina d’arte fotografica e contemporanea “Dada Boom” di via Minghetti 12 il laboratorio di cartapesta tenuto dal giovane carrista Alessandro Vanni. Il laboratorio è pensato sia per i bambini che per gli adulti ed è inserito dentro il contesto della terza edizione “Concorso IL MI’ CARRO”, per il Carnevale Varignano che si terrà per giovedì grasso e promosso da molte realtà sociali locali. L’ obiettivo è quello di restituire al quartiere una tradizione preziosa attraverso la partecipazione attiva e la creatività.
Durante il laboratorio Alessandro Vanni ci illustrerà alcune tecniche della cartapesta, dando il via alla realizzazione dei piccoli carri in concorso.
Questo evento è particolarmente adatto ai bambini ed alle bambine, anche se siamo convinti che non mancherà il divertimento per ragazzi, ragazze e genitori.

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Repubblica Viareggina: Gli avvoltoi della Lega piegano i fatti di cronaca nera alla loro propaganda

I politici di destra e di sinistra, almeno una volta, si confrontavano sulle grandi idee del mondo o sull’amministrazione delle cose. I politici di oggi sembrano, invece, ridursi a fare i commentatori dei fatti di cronaca.

Non ci riesce, proprio, di vedere Barsacchi e Caprili, ma per amore del vero nemmeno il democristiano Catelli, passare la giornata a commentare il furto o la rissa e non ci venite a dire che non c’erano delitti, perché le statistiche affermano altro. Oggi purtroppo siamo di fronte ad una nuova schiera di politici che aspetta con ansia e morbosità il fattaccio di cronaca nera per piegarlo alle proprie esigenze propagandistiche.

Fin da bambini, guardando i documentari di animali, c’è la tendenza a dividersi tra chi tifa per la gazzella e chi invece parteggia per il leone. Ma quasi mai nessuno parteggia per l’avvoltoio, perché l’animale aspetta che altri facciano il lavoro sporco per lui. L’atteggiamento dei politici della Lega ricorda quello di questi uccelli, senza piume al collo, che aspettano l’occasione per buttarsi a capofitto su ogni disgrazia.

Quanto accaduto nella pineta di Viareggio è un fatto gravissimo che merita la condanna di tutti. Ma proprio perché merita la condanna di tutti, nessuno ha il diritto di strumentalizzare il fatto. All’agente ferito va l’augurio di pronta guarigione e a chi compie le indagini l’auspicio di prendere il responsabile e consegnarlo alla giustizia. Ma qui deve finire. Non c’entra il sindaco, di cui noi siamo fieri oppositori, ma che in questa vicenda subisce attacchi ingiustificati. Non c’entrano i profughi, questi delitti sono compiuti da persone giunte con l’aereo con visto turistico. Forse potrebbe entrarci, casomai, il ministro dell’interno che al di la della propaganda non sta concludendo niente. Il signor Salvini che indossa, impropriamente, la divisa della polizia fa parte di quel governo che ha negato a quattordicimila aspiranti ad entrare nelle forze dell’ordine grazie al decreto semplificazioni scatenando le protesta di agenti e aspiranti agenti. Insomma al di là degli slogan niente di nuovo e di concreto. I leghisti viareggini non si fanno mancare niente e si adattano bene ad ogni contesto e in quello si evolvono. Nel loro comunicato stampa citano pure le rapine e i furti del 31 gennaio scorso, però, omettendo che sono state compiute da italiani. Che a questi uccelli appartenenti all’ordine degli accipitriformi a Viareggio stia crescendo anche il naso?

Come Repubblica viareggina pensiamo che la risposta a certi problemi si da non alimentando la paura e le frustrazioni ma costruendo reali politiche di contrasto al degrado come quello di far vivere i luoghi e non abbandonandoli.

Non siamo alla ricerca di un facile consenso preferiamo favorire un ragionamento reale su come si risolvono i problemi. Tanto anche col governo della Lega abbiamo visto che le cose sono destinate a rimanere uguali se non ad aggravarsi.

Repubblica Viareggina

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Repubblica Viareggina: Domatori e clown al circo del consiglio comunale

Quanto accaduto all’ultimo consiglio comunale è semplicemente l’immagine di una realtà politica scadente e scaduta. Sembrava di essere in uno di quelli spettacoli da circo dove si vede l’arroganza del domatore con la frusta ma anche le pagliacciate del clown. La politica, quella con la “P” maiuscola, quella che mette davanti il bene comune e i bisogni dei cittadini era lontana anni luce dal municipio dove si è consumata l’ennesima farsa.

Di già i consigli comunali al mattino sono una cosa ingiusta perché impediscono la partecipazione della maggioranza dei cittadini ma quello dell’altra mattina è andato oltre.

Da una parte il sindaco Del Ghingaro, il quale si sente sempre più padrone della città con la frusta in mano, che nega la discussione e il voto sugli emendamenti al piano regolatore. Dall’altra Beppino De Stefano con il suo teatrino. Il consigliere comunale, che militava nello stesso partito di Del Ghingaro e nella stessa corrente di molti uomini della maggioranza tra cui la presidente del consiglio comunale Paola Gifuni, da un po di tempo si colloca nel gruppo misto facendo il battitore libero. Beppino De Stefano ha strappato un microfono e si è sdraiato in terra ma la cosa assurda che stava protestando contro quella maggioranza a cui pochi minuti prima aveva dato il voto. Il consigliere De Stefano è riuscito in un’impresa che sarebbe fallita a Charlie Chaplin. Insomma una querelle tutta in famiglia. Se poi consideriamo il ruolo passivo del PD locale, ormai appiattito su questa maggioranza e incapace di fare opposizione anche per interessi di bottega, ecco che la famiglia allargata del centrosinistra si ricompone nonostante gli eterni litigi. Da tutto questo, noi, vogliamo marcare una distanza abissale. Una distanza che ancor prima che politica è etica. Repubblica Viareggina si chiede se nelle file della attuale maggioranza esista ancora un sussulto di dignità. Tuttavia, pensiamo di no altrimenti qualcuno avrebbe già dovuto dare le dimissioni.

Il centrosinistra in tutte le sue molteplici forme spalanca le porte ad una destra pericolosa per questo come Repubblica Viareggina lanciamo un appello alle donne e agli uomini di Viareggio che vogliono uscire dalla padella di Del Ghingaro ma non vogliono finire nella brace di una destra che ha tra le sue file persone che si spacciano capogruppo di una forza politica senza esserlo.

Repubblica Viareggina

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Rifondazione Comunista contro le grandi opere giudicate dannose

Italia, 2019. Basta un’ondata di maltempo leggermente più intensa e ci troviamo a dover contare i danni causati da alluvioni, frane e smottamenti.

Niente in natura succede per caso, e una grossa responsabilità è di chi per decenni ha costruito in modo “allegro” senza riguardi per l’equilibrio ambientale del territorio.

Se poi a questo scenario aggiungiamo l’ipocrisia della politica, il risultato diventa scontato: bastano due giorni di pioggia e la condizione precaria del territorio diventa drammaticità quotidiana.

Ribadiamo ancora una volta che al paese non servono “grandi opere” inutili e dannose come la TAV in Val di Susa, buone solo a far lucrare mafie e amici degli amici, ma un grande piano di riassetto idrogeologico.

Per questo, per la sicurezza di tutti noi, saremmo ben contenti di sforare i vincoli europei.

In questi anni si è pensato che attraverso la rimozione delle componenti elettive delle Province tutto sarebbe stato a posto. Avvilente credere che la competenza della provincia sulla viabilità e territorio si possa fare senza stanziamenti, stesso discorso vale per le scuole e le altre infrastrutture.

L’ unico partito che coerentemente si è battuto contro la Riforma Del Rio è stato il nostro. La battaglia ci ha lasciato in una “splendida solitudine”, ma sono stati abbandonati principalmente i cittadini e il territorio.

Partito della Rifondazione Comunista

Federazione della Versilia

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Rete Ambientale e comitati sull’impatto del 5G sulla Salute Pubblica

Sono trascorsi otre 4 anni dalla battaglia intrapresa per informare i cittadini sui possibili danni alla salute per l’inquinamento da elettrosmog e che ci ha visto impegnati a chiedere, a tutte le Amministrazioni e Commissari che si sono susseguiti nella città, di predisporre un piano della telefonia mobile sufficientemente cautelativo; cosa, questa, che non si è verificata, dato che i limiti di inquinamento elettromagnetico, fissati nel piano approvato il 6/06/2018 dall’Am.ne Del Ghingaro, possono raggiungere i 5,5 V/m, valore già considerato “critico” dal’Arpat mediante l’analisi previsionale nel ipotesi di funzionamento alla massima potenzialità, considerato che la normativa attuale, obsoleta e ormai fuori dal contesto scientifico internazionale indipendente, prevede il valore di 6 V/m..

Alla suddetta condizione di forte rischio, dobbiamo oggi aggiungere quello proveniente da una nuova tecnologia 5G.

Per tutto questo e altro abbiamo recentemente presentato un esposto alle Autorità competenti delle quali stiamo aspettando il pronunciamento, ad eccezione della risposta pervenuta da Arpat ma che, a nostro avviso, non contiene alcun elemento a sostegno delle tutele a favore della popolazione esposta.

I nostri dubbi, le nostre preoccupazioni sulla nuova tecnologia 5G, già applicata in diversi Paesi e in alcune città d’Italia e che presto si espanderà su tutto il territorio nazionale e quindi anche a Viareggio, sono più che fondate: per questo motivo avevamo organizzato il 6 ottobre 2018, un Convegno Nazionale, con il patrocinio della Croce Verde di Viareggio, dove è stata data notizia circa i possibili danni causati dalla suddetta tecnologia.

A ulteriore conferma di ciò, è stato pubblicato, in data 16-01-2019, un articolo a cura di Maurizio Martucci (giornalista) dove egli riferisce l’esistenza di un documento ufficiale del Comitato Scientifico sui rischi sanitari, ambientali ed emergenti (SCHEER) della Comunità Europea, notoriamente negazionista sugli effetti biologici dei campi elettromagnetici.

A Bruxelles hanno dovuto arrendersi all’evidenza. Ecco il documento integrale : Il 5G “evidenzia criticità sconosciute sui problemi di salute e sicurezza. La polemica è in merito ai danni causati dalle attuali tecnologie wireless 2G, 3G e 4G. Le tecnologie 5G sono molto meno studiate per ciò che concerne i loro effetti sull’uomo”.

Ed infine: “La mancanza di prove chiare per informare lo sviluppo delle Linee Guida sull’esposizione alla tecnologia 5G lascia aperta la possibilità di conseguenze biologiche non intenzionali”.

Per questo diffidiamo il Sindaco a far installare il 5G sul nostro territorio, fino a che non ci siano certezze e garanzie DI INNOCUITA’ per la salute pubblica di tutti i cittadini e della popolazione in genere.

Del presente diffida ne è stata data notizia alla Procura della Repubblica e agli organi di controllo.

Ci rendiamo disponibili per qualsiasi informazione o consiglio.

Rete Ambientale della Versilia, Comitato via Matteotti, Comitato Marco Polo, Comitato Pedona Ambiente e Salute

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Tutti assolti dall’accusa di occupazione di una casa a Torre del Lago

Sono stati assolti, la scorsa settima, dall’accusa di occupazione di una casa a Torre del Lago un militante dell’Unione Inquilini e tre persone che per un periodo erano state in quella casa. Ci rallegriamo per l’esito di questo processo ma altri ne sono in corso contro militanti di Unione Inquilini e Brigata Sociale Antisfratto che sapranno comunque rispondere alla repressione.

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Forte dei Marmi in piazza coi migranti ma non con il PD. Intanto il sindaco Murzi incalzato sulla rete promette bagni chimici.

L’Associazione culturale Spazio Libero di Forte dei.Marmi si è ritrovata sotto il municipio del Forte per contestare le politiche di Salvini e del governo sugli immigrati.. La manifestazione è stata indetta al Forte per non partecipare assieme al PD che si trovava a Pietrasanta. Presenti anche esponenti dell’ANPI, del PC e di Potere al Popolo.

Infatti non si può dimenticare che Minniti ministro interno del PD ha avvallato i lager in Libia e che l’ex sindaco del PD di Forte dei Marmi e attuale deputato Umberto Buratti ha costruito una rete anti immigrati. Davanti al presidio è passato l’attuale sindaco del forte dei Marmi Bruno Murzi,di una lista civica, che è stato incalzato dai manifestanti per levare la rete, per mettere bagni chimici e per avere un ombrellone del viandante ogni quattro o cinque stabilimenti balneari. Murzi a parole si è detto disponibile a trattare specie sui bagni chimici.

Posted in Senza categoria | Leave a comment