“Nelle mani dello stato si muore”

Hanno sfidato il freddo e l’umido,  in una piazza del Varignano a Viareggio, di un lunedì di dicembre per solidarizzare con i detenuti in sciopero della fame contro l’ergastolo e per ricordare Riccardo Magherini, ucciso dai carabinieri in un arresto avvenuto con modalità singolari. La piazza scelta era quella dove sono stati già ricordati  in altri momenti Carlo Giuliani, Daniele Franceschi e Stefano Cucchi. Un’iniziativa militante che ha visto la performance di Ina Ripari, il reading di Claudia Galli, la proiezione di alcuni video e alcuni brevi interventi. Qui sotto pubblichiamo il volantino integrale distribuito dalle varie realtà che vi hanno aderito. 

“Nel giorno dell’anniversario della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo migliaia di detenuti, familiari e attivisti parteciperanno alla quarta giornata del digiuno indetta e sostenuta da diverse associazioni e organizzazioni tra le quali Liberarsi, Ristretti Orizzonti, Yairaiha, Osservatorio Contro la Repressione, ecc..). Il senso di questa giornata vuole essere non soltanto quello di lottare per l’abolizione dell’ergastolo, pena perpetua definita dalla popolazione carceraria “pena di morte viva” in base alla quale l’uscita dal carcere è indicata in data 31/12/9999, ma anche quello di mettere in discussione l’intero sistema penitenziario in cui la reclusione diviene l’unica risposta ai fenomeni devianti della nostra società. In una fase storica in cui l’ossessione securitaria ha sostituito la sicurezza sociale attraverso un processo di criminalizzazione dei soggetti marginali, la risposta che viene data al bisogno di stato sociale è la carcerazione di massa sia di coloro che rappresentano le disuguaglianze necessarie al sistema capitalista, sia di coloro che a tale sistema si oppongono. Il 10 dicembre è anche la data scelta da familiari e amici di Riccarsdo Magherini per chiedere giustizia e verità , ucciso mentre urlava “sto morendo” bloccato a terra dai carabinieri nel centro di Firenze, preso a calci mentre era ammanettato: dopo i primi due gradi di giudizio, in cui i carabinieri sono stati riconosciuti colpevoli della morte di Riccardo, in Cassazione sono stati assolti perché il fatto non costituisce reato. Come se fosse normale praticare un fermo a terra con quelle modalità, torturando il malcapitato con un ginocchio sopra il collo mentre grida che sta morendo soffocato. Tutti assolti. Nel nostro paese soffocare un uomo che chiede aiuto non costituisce reato, picchiarlo a terra non è reato, intimidire i testimoni non è reato. Opporci a questa vergogna infinita è il motivo per cui siamo qua oggi, perché Riccardo non sia solo simbolo d’ingiustizia. Che il potere di vita e di morte dello stato su i suoi cittadini si traduca in pestaggi che restano impuniti o nella facoltà di rinchiudere finché la morte sia l’unica possibilità di liberazione non è più tollerabile. Liberi dall’ ergastolo, liberi dalle violenze, liberi dalle galere.”

Potere al Popolo Versilia, Cantiere Sociale Versiliese, Officina Dada Boom, Repubblica Viareggina, CSOA SARS, Laboratorio Contro la Repressione “Sacko”

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Repubblica Viareggina: “I leghisti che regalavano lo spray al peperoncino farebbero bene a chiedere scusa.”

Quando chi governa rinuncia che a garantire la sicurezza sia lo stato ma che si possa fare la giustizia “fai da te”, non solo si ha il “Far West” ma si ha il fallimento della politica stessa di chi è al governo.

Si stanno verificando episodi gravi in tutta Italia: Il più drammatico ad Ancona dove ci sono sei morti e numerosi feriti in una discoteca; poi a Firenze dove c’è stato un fuggi fuggi generale in strada; e ancora in una scuola a Pavia dove 30 ragazzi sono dovuti essere soccorsi; ormai sono tanti gli episodi che si susseguono in tutto il paese dove sconsiderati spruzzano lo spray al peperoncino. Quello che la propaganda leghista annunciava come strumento di difesa e sicurezza si rileva l’ennesimo strumento che crea, invece, panico, insicurezza e persino morte. D’altro canto con risultati ben più gravi abbiamo visto cosa accade negli USA dove per anni una politica irresponsabile e demagogica ha incentivato l’uso delle armi da fuoco per difendersi con risultati catastrofici. Armi che spesso finiscono nelle mani dello squilibrato di turno, che magari entra nel campus universitario e fa una strage.

Le logiche perverse del profitto ancora una volta valgono più della vita delle persone. Il profitto di chi per incassare di più fa entrare nei locali più persone di quanto sarebbe previsto, il profitto di chi oggi fa soldi vendendo questo spray orticante salito alla ribalta grazie anche a politici alla ricerca di un altro profitto, quello elettorale.

I signori della Lega, che anche a Viareggio regalavano alcune settimane addietro lo spray al peperoncino, raccontano la menzogna che serve alle donne a proteggersi. Niente di più falso! Se una signora tiene in borsa questa bomboletta e subisce una aggressione prima che la tiri fuori passa troppo tempo. Invece chi la usa per aggredire, solitamente, l’ha già in mano. Va da se che lo spray orticante è l’ennesima boutade di chi fa solo politica con gli slogan ed è un’occasione di profitto per chi lo produce e lo vende che poi naturalmente indirizzerà i propri voti. In altri contesti la chiameremmo lobby.

Se avessero a cuore, realmente, la difesa delle donne i leghisti non porterebbero avanti con i vari Pillon e Fontana una politica misogina e maschilista. Avere fatto credere che lo spray al peperoncino sia una soluzione è da irresponsabili. Proprio nella giornata in cui questi signori regalavano questa porcheria, a Viareggio, noi partecipavano ad una assemblea pubblica con il Cantiere Sociale, la Casa delle Donne e molte altre realtà per parlare di politiche di genere, di difesa degli spazi sociali e di solidarietà.

I leghisti viareggini farebbero bene a chiedere scusa e smetterla di regalare oggetti pericolosi.

I risultati delle politiche leghiste sono appena agli inizi ma il decreto Salvini, che chiamano decreto sicurezza, farà aumentare i clandestini, aumenterà i processi intasando i tribunali, reprimerà chi dissente e lascerà impuniti i soliti criminali. Intanto sei mafiosi nigeriani si sono dati alla fuga e ringraziano il tweet del ministro dell’interno che mette il suo ego, sempre, davanti alle ragioni di stato.

Repubblica Viareggina

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Repubblica Viareggina: “La manifestazione di Torino contro la TAV rimarrà nel cuore dei viareggini che ci hanno partecipato”

L’8 Dicembre 2018 rimarrà nel cuore di molti Viareggini che insieme ai compagni di Massa, Lucca e Livorno sono saliti a Torino per prendere parte alla più grande mobilitazione in difesa dell’ambiente che si ricordi negli ultimi anni! Anche i compagni e le compagne di Repubblica Viareggina erano presenti con uno striscione unitario che legava le lotte ambientali del territorio e dietro di esso, sventolavano nel corteo le bandiere no asse. Abbiamo parlato con tanti No TAV che conoscono la nostra lotta e solidarizzano con noi! Repubblica Viareggina ancora una volta si schiera nelle lotte contro il profitto, quel profitto che denunciamo dalla nostra nascita, quella logica legata solo al denaro che proprio la notte della mobilitazione ha visto morire delle persone perché vendere centinaia di biglietti in più ingrassava le tasche dell’imprenditore di turno! La nostra pineta non si tocca che se ne facciano una ragione! Saremo in Piazza a Roma anche il 23 Marzo per una grande manifestazione Nazionale contro le grandi opere inutili! Schierati in prima linea! C’eravamo, ci siamo, ci saremo!

Chiara Giorgi responsabile d’organizzazione di Repubblica Viareggina

Posted in Senza categoria | Leave a comment

I No asse con un autobus e diverse automobili da Viareggio a Torino per il corteo No TAV

Alla fine da Viareggio per partecipare alla manifestazione di Torino contro la TAV e le opere inutili è stato riempito un autobus ma molte persone sono rimaste fuori così che raggiungeranno il capo luogo piemontese anche diverse automobili. I “No Asse” saranno presenti al corteo per riaffermare la dannosità di un’opera insulsa come quella che vorrebbe disboscare parte della pineta per far passare una strada extraurbana come quella che viene chiamata impropriamente via del mare. Nella giornata di ieri ( 7dicembre) una delegazione ha partecipato a Massa ad un presidio contro le gandi opere e in particolar modo contro la ex discarica Cava Viti. Inoltre, è stato appeso sul municipio di Viareggio uno striscione con su scritto “No Asse.” E’ questo l’augurio di natale che i No Asse fanno alla città anche considerando che nel nuovo regolamento urbanistico da poco approvato non figurerebbe niente di rilevante in Darsena.

Posted in Senza categoria | Leave a comment

“Windows from Gaza” a Villa Argentina

Si terrà presso Villa Argentina, dal 11 dicembre al 6 gennaio un interessantissima esposizione di artisti palestinesi dal titolo “Windows from Gaza.” curata da Ave Mazzetti dell’ARCI

Gaza è una striscia di terra palestinese, lunga 40 km e larga 10 km, posta sul mar Mediterraneo confinante con l’Egitto e lo stato d’Israele. Si tratta di una terra chiusa da cui i palestinesi non possono uscire tranne alcune rare eccezioni. Qualcuno l’ha definita giustamente una prigione a cielo aperto. Inoltre; gli abitanti della striscia sono soggetti a bombardamenti dal cielo, incursioni da terra o da mare da parte delle forze militari israeliane. Nonostante umiliazioni e soprusi la popolazione resiste e la società civile sviluppa idee e numerose forme espressive. Pochi sanno a causa del silenzio e della censura che esiste una fervente attività artistica. L’esposizione che si terrà a Villa Argentina è una sorta di testimonianza di questa energia creativa. Si tratta di un’occasione imperdibile per conoscere la realtà di Gaza, la normalità di vita che va oltre la morte e la distruzione raccontata attraverso l’esperienza di artisti come Basel El Maqousi e Majed Shala.

L’inaugurazione avrà luogo martedì 11 dicembre alle 17.30, in occasione del 70°anniversario della giornata dei diritti umani. L’ingresso è libero e gratuito.

L’iniziativa che sta girando per numerose città italiane è stata progettata da Fotografi senza Frontiere, in collaborazione con il centro italiano di scambi culturali “Vik” A Viareggio vi sarà la partecipazione della Biblioteca Milziade Caprili, della Fondazione Milziade Caprili, della scuola della pace di Lucca e dell’ARCI e il patrocinio della provincia di Lucca.

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Il Cantiere Sociale Versiliese solidale con la Palestra popolare Aldo Salvetti di Massa minacciata di sgombero

Da diversi anni uno spazio lasciato al degrado ha cambiato vesti.
Infatti dove prima c’era un fondo chiuso e privo di utilizzo è sorta una palestra popolare.
Uno spazio che mette come centralità del proprio lavoro il diritto allo sport fuori da meccanismi di profitto senza L’esaltazione del super uomo da copertina di Vogue o il modello velina.
Uno spazio plurale che ha visto partecipare ai diversi corsi persone molto diverse tra loro che in questo spazio hanno trovato un punto di riferimento per poter condividere le proprie passioni con tante persone.
Oggi questo spazio è ufficialmente sotto l’ attacco della nuova giunta leghista che vuole fare la voce grossa e restituire un luogo vivo e attivo, al degrado.
Per questo esprimiamo la totale solidarietà a questo spazio popolare, perché convinti
“ che bisogna correre nella strada molto prima di danzare sotto le luci”

Cantiere Sociale Versiliese

Posted in Senza categoria | Leave a comment

ANPI all’attacco contro i calendari del duce

Sono Luca Coccoli presidente dell’ANPI Viareggio e Filippo Antonini presidente dell’ANPI provinciale a parlare in modo chiaro e netto contro la presenza nelle edicole del calendario del duce. In un comunicato stampa affermano Esprimiamo la massima amarezza e sdegno nel vedere esposti in alcune edicole cittadine, e non, il calendario raffigurante e celebrativo della figura di Benito Mussolini nel ritenere tali fatti perseguibili per apologia di fascismo ed in contrasto con i valori costituzionali, ricorda che il Duce, o l’ “Uomo della provvidenza” come lo etichetta il calendario, non è altri che colui il quale promulgò le leggi razziali ottanta anni fa, cancellò la libertà e la giustizia, fu causa della morte di antifascisti quali Matteotti, Gobetti, Gramsci ed i fratelli Rosselli, oltre che portare l’intera nazione nel baratro della seconda Guerra mondiale. Pertanto, facciamo appello alla coscienza di tutti i gestori delle edicole invitandoli a non esporlo e a restituirlo al mittente”.

La richiesta dell’ANPI ci appare di buon senso e non possiamo fare altro che sostenerla.

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Presentata Scarceranda 2019 al CSOA SARS di Viareggio

Venerdì 30 novembre presso il CSOA SARS si è svolta come ormai consuetudine da diversi anni la presentazione di Scarceranda.

Scarceranda è un’agenda autoprodotta che nasce nel 1999 dalla Redazione
di Radiondarossa e dall’esperienza del collettivo romano “Odio il Carcere”.

E’ uno strumento essenziale per comunicare con detenuti e detenute nelle
carceri italiane e un mezzo di informazione e riflessione sul carcere
oggi, sull’universo repressivo più in generale e su come si possa
condurre la lotta contro l’istituzione carceraria oggi.

In questi 20 anni di vita, Scarceranda ha contribuito a far entrare e uscire parole negli istituti carcerari italiani, ha allargato la riflessione alle diverse forme di reclusione sempre nuove che il sistema carcerario capitalista continua ad inventare.

Al dibattito hanno partecipato una cinquantina di compagne e compagni di varie realtà. Il dibattito ha durato quasi due ore ed è stato ricco di spunti interessanti nel quale è stata annunciata una mobilitazione congiunta per il 10 dicembre contro l’ergastolo e per chiedere giustizia per Riccardo Magherini. A seguire c’è stata una cena sociale, il ricavato va per le tante spese processuali dei compagni, e infine il concerto del Suonificio Popolare Apuano.

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Repubblica Viareggina: “Dall’emergenza abitativa alla mancanza del servizio di scuolabus continuano le ‘grandi imprese’ della giunta Del Ghingaro.”

Dall’emergenza abitativa alla mancanza del servizio di scuolabus continuano le “grandi imprese” della giunta Del Ghingaro. Su questi due temi Repubblica Viareggina si è battuta e continuerà a farlo, e allora vogliamo informare la cittadinanza che Del Ghingaro, continua nella sua marcia inarrestabile per la svendita del patrimonio.

L’11 gennaio 2019 le case della ex-Patrimonio, fallita per volontà dell’attuale amministrazione, verranno messe all’asta nel numero di 17 unità abitative. Non riusciamo a capire come sia possibile continuare a svendere il patrimonio dei viareggini visto che siamo usciti dal dissesto come il sindaco va propagandando sugli organi di informazione.

Come Repubblica Viareggina vogliamo ricordare al sindaco che aveva fatto una promessa, un concordato preventivo da presentare al tribunale per salvare le case che sarebbero dovute tornare a far parte del patrimonio pubblico. Promesse che vorremmo vedere mantenute e non disattese come tutte le altre. Purtroppo tantissime persone si trovano senza casa o prossime allo sfratto e da parte dell’amministrazione non arrivano soluzioni.

Altro grave disagio per la cittadinanza è la sospensione del servizio di scuolabus ormai è anni che decine di pulmini sono fermi. Se siamo fuori dal dissesto come afferma il sindaco, non sarebbe l’ora di ripristinare questo sacrosanto servizio?

Noi lo sappiamo bene che che le bugie hanno le gambe corte e quelle di questa amministrazione sono cortissime anche per questo lavoriamo per costruire un’alternativa ad essa.

Repubblica Viareggina

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Torna la Ludoteca Indiani del Quartiere

Al quartiere Varignano ritornano gli Indiani, il simbolo della ludoteca popolare ospitata presso il Cantiere sociale di Viareggio, con molte iniziative. Dopo il successo dell’autunno in Cantiere con l’associazione I Chicchi d’Uva, arriva l’inverno della ludoteca aperta a bambini e ragazzi del quartiere e di Viareggio.

Sono due gli appuntamenti previsti a dicembre, entrambi all’ex Inapli di via Belluomini 18: si parte sabato 1° dicembre alle 16 con la merenda, il laboratorio natalizio e lo spettacolo a cura della compagnia If Prana. L’appuntamento successivo è fissato per sabato 15, sempre alle 16, con la festa natalizia giunta al sesto anno consecutivo, ormai una vera tradizione del Varignano: ci sarà la merenda, lo spettacolo di cabaret e magia con il mago Woland e la visita di Babbo Natale. Lo stesso giorno è previsto il mercatino agricolo clandestino e il famoso mercato di scambio e baratto, due iniziative che caratterizzano il Cantiere sociale. L’appuntamento successivo è quello della Befana di quartiere: ritrovo in piazza Karlovy Vary (davanti all’ufficio postale del Varignano) per sabato 5 gennaio con dolci, giochi e tante sorprese.

Lo spirito, come sempre, è quello dell’aggregazione e della socialità contro ogni razzismo e ogni forma di esclusione, come tutte le attività (gestite in maniera volontaria) del Cantiere sociale: per un quartiere solidale, accogliente e inclusivo. Per info, visitate la pagina Facebook “Ludoteca Indiani del Quartiere”.

Posted in Senza categoria | Leave a comment