Le forze di polizia fermano gli hooligans del ghiviborgo

winc16

La forze di polizia di Viareggio dopo avere sconfitto la criminalità organizzata e liberato finalmente le zone dove si spacciava hanno deciso di concentrarsi sul vero problema della città: i terribili ultras che da anni tengono prigioniero lo sport. Il provvedimento di vietare la trasferta in quel di Poggibonsi città tra le più calde in Europa assieme a Belgrado e a Sarajevo è stato seguito da un altro ancora più decisivo, quello di far giocare a porte chiuse la partita Viareggio Ghiviborgo. Decisione obbligata per evitare tafferugli e soprattutto il rischio di una guerra civile. I tifosi del Ghiviborgo potevano invadere Viareggio e magari creare ingenti danni alle vetrine dei negozi di galleria D’Azeglio riaperti dopo la fine della crisi economica, e poi lo stadio dei pini è privo del terzo anello dove avrebbero potuto mettere gli oltre trentamila tifosi al seguito della squadra. Già erano temibili, a suo tempo, da soli i tifosi del Ghivizzano, come non ricordare gli scontri ad Amsterdam di alcuni anni fa, adesso che si sono fusi con il Borgo a Mozzano metropoli abitata da squatter, anarchici e punk a bestia è bene fare in modo che questa partita ad alto rischio sia giocata a porte chiuse.

Purtroppo i tagli del governo comunista di Renzi impediscono che ci siano i fondi per fare alzare in volo alcuni elicotteri che avrebbero potuto controllare i pericolosi covi degli hooligans del Ghiviborgo situati nelle seguenti e ridenti cittadine Calavorno, Gromignana, Lucignana, Piano di Coreglia, Tereglio e Vitiana.

E’ giusta e santa è anche la decisione di impedire la vendita di alcolici al bar del palazzetto non abbia qualcuno a guadagnare dal proprio lavoro e non abbia qualcun altro per colpa del vino a dire delle scomode verità.

L’ironia su questo argomento ci appare una scelta obbligata non si può criticare in modo serio dei provvedimenti che ci appaiono semplicemente ridicoli.

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


+ sei = 9