Dalle piazze piene di Roma e Prato segnali positivi.

Sabato 23 è stata una giornata intensa che ha visto le piazze di due città riempirsi e dare speranza ai movimenti di lotta e a chi crede che un altro mondo sia possibile. Roma e Prato, per motivazioni diverse ma con identica determinazione hanno visto partecipazione e voglia di lottare.

A Roma decine e decine di migliaia di persone, qualcuno si è spinto fino a dire 100.000, realisticamente la metà ma sempre un numero significativo, ha manifestato per la salvezza del clima contro le grandi opere dannose. Si è trattata di una manifestazione dove si è voluto ribadire che l’ambientalismo senza l’anticapitalismo non ha futuro. Serve una visione ecosocialista che metta davanti ai profitti dei soliti noti le vite di tutti noi. Anche da Viareggio è partito un autobus promosso da Repubblica Viareggina e Potere al Popolo della Versilia. I viareggini hanno portato a Roma la vertenza contro l’asse di penetrazione e hanno sfilato dietro allo spezzone dei compagni della Toscana Nord.

A Prato, nelle stesse, ore andava in scena uno schifosissimo ricordo nel centenario della nascita dei fasci italiani di combattimento. L’iniziativa di natura apologetica, e di chiara matrice fascista, era promossa da Forza Nuova, con l’avvallo di quelle istituzioni che in sfregio alla carta costituzionale concedevano a questi squallidi individui di manifestare. Fortunatamente l’antifascismo è riapparso come valore e 5.000 antifascisti toscani hanno oscurato e ridicolizzato quei 100 forzanuovisti giunti da tutta la penisola.

Il successo di entrambe le manifestazioni, a cui hanno partecipato anche compagne e compagni del nostro territorio, sono sicuramente due segnali positivi in questi momenti difficili.

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


− 5 = quattro