La solidarietà attiva di “Viareggio Meticcia” da Open Arms a Rosarno.

Viareggio Meticcia dopo avere raccolto, quest’estate alla festa del GROB, fondi per oltre 1300 euro, destinati all’Open Arms che salva vite in mare., ha presentato un nuovo e interessantissimo progetto di solidarietà.
Sabato 14 dicembre, in un CRO strapieno con gente in piedi, ha presentato un progetto di solidarietà attiva nei confronti dei braccianti di Rosarno, in stretta continuità con la difesa e il sostegno ai migranti e alle ONG che li salvano in mare.
“L’iniziativa ALTO MARE ALTRA TERRA intende collegare il salvataggio delle vite in mare dei migranti alla difesa dei loro diritti come lavoratori sulla terra, in particolare nei campi di Rosarno, dove le condizioni umane, sociali e lavorative sono pari allo schiavismo.” ha spiegato Michelangelo Di Beo di Viareggio Meticcia che ha introdotto la serata. Dopo diversi video, alcuni anche molto emozionanti, hanno preso la parola Riccardo Gatti, e Anabel Montes di Open Arms. E’ intervenuta anche Ludovica Antonini della scuola popolare di Pancho Villa attivissima al Varignano contro la dispersione scolastica che ha ricordato come sia importante che certi messaggi arrivino anche i nostri bimbi nelle periferie. Avrebbe dovuto partecipare anche Ruggero Marra sindacalista USB di Rosarno che si batte per le condizioni dei braccianti ma motivi di forza maggiore lo hanno trattenuto lontano. La serata è stata comunque ricca e ci mostra che la solidarietà è cosa importante da esercitare. Durante la serata Viareggio Meticcia con un buffet ha raccolto fondi per comprare gilet segnaletici per i lavoratori e luci per le biciclette. Dopo il buffet la serata, al CRO Darsene, ha proseguito con la musica del I “complesso di inferiorità”

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


sette − = 1