PCL: “Per ogni vittima chiederemo giustizia; se sarà possibile in tribunale, se non lo sarà lo faremo nelle piazze.”

Il Partito Comunista dei Lavoratori denuncia governo, regione Lombardia e Confindustria. 

Il Partito Comunista dei Lavoratori denuncia con un proprio esposto le responsabilità del governo nazionale, di quello lombardo e della Confindustria nello sviluppo esponenziale del contagio e delle morti nella regione Lombardia(09 Aprile 2020)”

La Sezione di Lucca Versilia del PCL aveva già sottoscritto , all’inizio di aprile, un esposto presentato dalla Federazione Versiliese del PRC e diretto sia al Sindaco di Viareggio che al Prefetto di Lucca.

L’esposto richiedeva l’attenzione e l’eventuale intervento dissuasivo circa i cantieri (AZIMUT-BENETTI) della darsena viareggina che dichiaravano l’intenzione di riprendere i lavori ( per questo chiedevano una deroga) nonostante il divieto del DL 19 del 25 marzo.

Lo abbiamo fatto convintamente ed oggi accogliamo con soddisfazione la notizia che ieri, 09 aprile, l’esecutivo nazionale del PCL, nella persona del portavoce Marco Ferrando, ha presentato denuncia-esposto per le responsabilità sia del Governo centrale che di Confindustria lombarda circa l’aumento esponenziale delle morti in Lombardia.

Le dichiarazioni, riportate anche dai quotidiani, dei massimi rappresentanti pubblici ( Governatore e Assessore di Regione) e privati ( massimi dirigenti di Confindustria) raccontano del poco valore dato alla vita umana sacrificabile senza nessuna remora sull’altare del profitto.

Era per parare il sedere di costoro che Salvini si è impegnato convulsamente ad inserire alcuni paragrafi nella leggina che voleva far passare come garantista per operatori sanitari “in trincea”. Gli é andata male, travolto proprio dalla protesta di quegli operatori in prima linea che assolutamente non si sentono rappresentati da questo figuro tanto bugiardo quanto cinico.

Noi crediamo, lo abbiamo sempre creduto, che i reali cambiamenti si ottengono con il protagonismo attivo dei lavoratori e delle lavoratrici.

Al contempo non rifiutiamo di muoverci sul terreno “democratico borghese”.

Per questo ci sembra da sostenere e stimolare il diffondersi di azioni simili di denuncia di correità per strage contro tutti coloro, soggetti pubblici e primati, che per interessi mercantili e di profitto, hanno messo, mettono e metteranno a rischio vite umane.

Chiediamo a tutte le forze politiche e sindacali di farsi carico, meglio se in forme unitarie, di denunce di questo tipo.

Poi dovremo organizzarci perché non una di queste denunce resti in un cassetto.

Per ogni vittima chiederemo giustizia; se sarà possibile in tribunale, se non lo sarà lo faremo nelle piazze. “

Partito Comunista dei Lavoratori Lucca Versilia

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


nove − 4 =