Ciao, compagno Vittorio. Ti sia lieve la terra.

Dice il saggio che pur immergendosi nello stesso fiume non ci si bagna mai con la stessa acqua, perché tutto scorre. Si alle volte l’acqua è sporca e alle volte è pulita. Alle volte l’acqua è inquinata e alle volte è pura. Le persone che incontriamo nella nostra vita sono come l’acqua. Le loro vite sono diverse e conseguentemente le loro morti pesano diversamente. Alcune leggere come piume altre pesanti come macigni. Quella di Vittorio Vedele è pesante come una montagna. Vittorio non lascia libri, massime ma lascia una delle cose che vale di più in assoluto. Lascia il suo esempio. Compagno storico del PCI prima e di Rifondazione Comunista, dopo è stato presente nella vita di chiunque facesse militanza. Era impossibile non volergli bene perché lui era puro. Aveva un sorriso per tutti specie per i giovani e oggi a Viareggio lo piangono diverse generazioni che sono passate dai Giovani Comunisti ma a piangerlo è tutta quella parte di città che lo ha comosciuto.

La coerenza lo aveva portato anche a pagare dei prezzi nel corso della sua difficile vita ma lui non solo non si era mai arreso ma non aveva, nemmeno, mai perso il sorriso. Le sue idee non sono mai state in vendita. La sua coerenza di comunista però non aveva bisogno di urla o di gesti eclatanti per imporsi. Vittorio era quasi sempre pacato e disponibile. Se chiudiamo gli occhi possiamo immaginarlo con la sua camicia rossa, le sue bretelle, i suoi calzini rossi o con la sua bicicletta con tanto di trombetta, anche quella rossa, ma dietro questo simpatico personaggio che si era costruito c’era un uomo vero. Dice Bertodl Brecht che non potemmo essere gentili per colpa dei tempi. Nel caso di Vittorio si potrebbe, invece, dire che è riuscito ad essere anche gentile, nonostante, i tempi. L’impegno, la generosità, la mitezza, il senso di appartenenza, l’ironia, l’umiltà e la militanza hanno caratterizzato la vita di questo comunista viareggino. Chi lo ha conosciuto, difficilemte, potrà scordarlo. Vittorio ti sia lieve la terra!

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

One Response to Ciao, compagno Vittorio. Ti sia lieve la terra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


7 + = nove