“Avevamo ragione noi!” Da Viareggio a Genova 15 anni dopo

11707473_10204727564053572_8197695802287131704_n

Chi dimentica non solo perde il passato ma perde anche il futuro per questo in tante e tanti sono tornati a Piazza Alimonda a Genova perché il terrore di quei giorni è ancora vivo. Anzi è più forte che mai con le guerre, il terrorismo, il razzismo, la repressione e soprattutto con la morte. Si la morte: quella sui posti di lavoro per mancanza di sicurezza, quella in mare per chi fugge dalla fame e dalla guerra, quella nelle carceri per la violenza degli apparati repressivi, quella di chi pensa al profitto e preferisce costruire armi e chiudere ospedali. In tanti sono tornati per ricordare un compagno e un fratello che fino all’ultimo è rimasto davanti perché Carlo Giuliani non si è fatto disperdere ma ha deciso di fare resistenza alla violenza dei potenti che in quei giorni pianificavano gli incubi e gli orrori che ci hanno regalato in questi quindici anni.

A qualcuno fa rabbia che dopo quindici anni ci sia chi ricorda e rende omaggio ad un partigiano del ventunesimo secolo ma mai come quest’anno era doveroso perché tra il “popolo di Genova” è affiorata nuovamente la consapevolezza che avevamo ragione. Erdogan e le “cose turche” sono passate da noi quindici anni fa come la guerra globale e il liberismo che ha creato la crisi dentro la quale siamo ancora dentro. Anche da Viareggio, come ogni anno, una delegazione è salita ad onorare Carlo Giuliani. Presenti i militanti del Cantiere Sociale Versiliese e i ragazzi del Gruppo Autonomo Viareggio che si sono presentati, in una piazza gremita, con le loro bandiere. Il giorno precedente a Viareggio Communia ha attaccato striscioni con scritto “Genova 2001 avevamo ragione!”

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


6 × otto =