La gestione delle case recuperate esempio di mobilità abitativa

Ancora una volta diamo risposte che toccherebbe all’amministrazione comunale dare. Una persona che viveva al Matteotti Occupato è riuscita a superare le proprie difficoltà economiche ed ha quindi lasciato la stanza dove era ospitata. Al suo posto subentra una altra persona. Si tratta di una persona anziana, diabetica e cardiopatia che ospitavamo al pronto soccorso abitativo. Così come già avvenuto per la casa di Torre del Lago si crea quella mobilità nelle case recuperate dalla Brigata Sociale Antisfratto e dall’Unione Inquilini che potrebbe tranquillamente creare l’amministrazione comunale se volesse spendersi realmente sul sociale. Le pratiche mutualitistiche di autogoverno proseguono per dare risposte concrete a chi ne ha bisogno.

Brigata Mutuo Sociale per l’Abitare

Unione Inquilini

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


− 1 = uno