Potere al Popolo attacca i concorsi dei comuni di Camaiore e Pietrasanta e le motivazioni di annullamento.

Non c’è giorno che non ci si lamenti della mancanza di fiducia nelle istituzioni, della disillusione verso la politica, dei danni dell’anti-politica e del consequenziale sfociare verso posizioni antidemocratiche, reazionarie e autoritarie, sempre in crescita esponenziale. Ci chiediamo allora come, chi ci governa ad ogni livello, possa pretendere che questa situazione possa magicamente fare una svolta a U quando succedono situazioni paradossali come quella accaduta in questi giorni dalle nostre parti.
Riassumendo: finalmente con quota cento si aprono lentamente le maglie delle assunzioni nella Pubblica Amministrazione, in particolare negli Enti Locali. Sbocciano concorsi qua e là e anche nelle nostre zone ne bandiscono diversi. Ad esempio ne abbiamo per vari livelli al comune di Viareggio e un altro per coprire altrettanti posti nei comuni di Pietrasanta e Camaiore; questi ultimi decidono, facendo bene, di indirne uno in collaborazione. Ottimo si dirà, si risparmia. Bene! Poi però ci si affida ai privati, si appalta, si cerca di fare i fighi usando le nuove tecnologie senza capirne il senso. Risultato: prova preselettiva con 2.232 iscritti, svoltasi in tre scaglioni venerdì 25 c.m. a Pisa, per contenere le orde dei pretendenti. Prova svolta ma ANNULLATA per “Impossibilità di associare i moduli risposte con le schede anagrafiche”. Prima prova scritta per quelli che dovevano essere i selezionati prevista il 14 novembre rimandata a data da destinarsi con inclusione di tutti gli iscritti. Ora, uno cerca, ci prova, a non pensare male. Mette da parte il sapere che lo stesso 14 ci sarebbe stata la prova preselettiva al concorso di Viareggio ad esempio. Ma facendo così il risultato è ancora pessimo. Ci chiediamo a cosa servono i papiri del codice degli appalti che è stato chiesto di studiare a menadito, se poi non si riesce a selezionare un’azienda che non riesce ad associare un codice ad ogni nominativo? E i 10 euro di contributo chiesto ai candidati e agli esclusi, che sicuramente non sono stati gli unici che hanno finanziato l’opera che fine hanno fatto? Come pretendiamo di inneggiare all’Italia se poi sfiniamo in tutti i modi chi si impegna a farsi una vita qui senza dover emigrare?
Il risultato è sempre e comunque quello che a noi di PaP ci si palesa ogni giorno davanti: un sistema sociale incancrenito e bloccato, che fa mostra delle continue false speranze di questo periodo tardo liberista sfrenato, in cui tutto è appaltato al privato senza risposta di efficienza o, a pensar male, in cui chi ha la poltrona, anche quella piccolina di un funzionario comunale di bassa leva, difende il posto suo o della famiglia. Ma noi non pensiamo male. Non ci serve per capire che questo sistema capitalista-feudale è al capolinea e che non possiamo mollare, perché l’obiettivo di chi ha le redini sarà sempre quello di far pagare a noi i suoi errori.

Vediamo se chi ha ancora posto nei consigli comunali farà sentire la sua voce, ma non siamo speranzosi, visto che fra i due comuni i ruoli di maggioranza e opposizione sono speculari, e nessuno avrà un bel tornaconto a mettere in cattiva luce il partito dell’altro.

Potere al Popolo Versilia

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


× 5 = quaranta