La lotta paga. Rinviato a settembre il taglio dei tigli a Pietrasanta.

La lotta paga quasi sempre. Le mobilitazioni delle tante cittadine e tanti cittadini di Pietrasanta, e non solo, che hanno difeso i tigli di Piazza Statuto sembrerebbero, infatti, avere portato ad un primo risultato. Il condizionale quando si ha a che fare con Giovannetti e la sua giunta è d’obbligo. Tuttavia la notizia che circola parla di taglio sospeso almeno fino alla fine dell’estate. Certo è che la presenza costante in piazza degli attivisti ha costretto l’amministrazione ad essere meno arrogante. L’ultima mobilitazione ieri mercoledì 5 maggio dove almeno 150 persone si sono recate nei pressi del cantiere. Presenti anche molti bambini che hanno realizzato disegni per gli alberi. Alla manifestazione promossa dal comitato la voce degli alberi hanno partecipato anche la Rete Versiliese contro la crisi che ha distribuito un volantino dal titolo “La difesa dell’ambiente è incompatibile con i profitti di pochi.” In piazza anche alcuni esponenti del movimento No Asse di Viareggio, con tanto di striscione. La vittoria a Pietrasanta lascia sperare anche per le prossime lotte a Viareggio sulla difesa della Leccio a e il no all’asse di penetrazione. Su ambiente e salute non ci possono essere compromessi al ribasso. Non un passo indietro. La lotta paga è questi giorni lo dimostrano.

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

One Response to La lotta paga. Rinviato a settembre il taglio dei tigli a Pietrasanta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


sei − = 5