Il comitato “le voci degli alberi” risponde alle strumentalizzazioni del sindaco Giovannetti che impropriamente paragona chi si arrampica sugli alberi a chi si arrampica su ruote panoramiche.

“Quanto accaduto a Marina di Pietrasanta, l’arrampicata di un ragazzino sulla ruota panoramica, non ha nulla a che fare con la protesta non violenta e civile di Piazza Statuto. Nel segno della peggiore strumentalizzazione, il sindaco Giovannetti equipara impropriamente i due fatti e ne fa oggetto di un attacco scomposto, riconducibile a una questione di ordine pubblico. Chi governa una città è tenuto a comprendere e a distinguere le problematiche sociali che riguardano il territorio e a rispettarne le specificita’. Il primo dovere di un sindaco e di un’amministrazione è quello di confrontarsi direttamente e apertamente con le istanze dei cittadini. La protesta del Comitato “Le voci degli alberi”, infatti, si è accompagnata ad una serie di proposte alternative al progetto di cementificazione e di abbattimento di tutti i tigli secolari della Piazza Statuto, considerata come bene primario e irrinunciabile per la comunità e la salute dei cittadini e del patrimonio ecologico-urbanistico di Pietrasanta. Invitiamo perciò il sindaco e l’AC a rispettare la richiesta di un confronto aperto, abbandonando la logica miope del muro contro muro. Come dimostrato in questi mesi,il Comitato, nel caso di un’ostinata rigidità dell’AC, non si farà ridurre al silenzio, né tantomeno intimidire da misure repressive come quelle fin qui adottate.”

Il comitato “Le voci degli alberi”

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


quattro × 1 =