Francesca Trasatti (PaP) e Arianna Lombardi (PRC) ringraziano Enrico Marchetti per lo spazio politico che ha aperto a Camaiore.

Grazie a Enrico Marchetti e alla sua scelta coraggiosa e coerente di accettare la sfida alla carica di sindaco di Camaiore con la lista Camaiore Popolare, la sinistra di classe non solo è presente in questa tornata elettorale ma è anche egregiamente rappresentata. Ma ancor più importante di questo: Enrico Marchetti, con la sua candidatura, ha scongiurato il pericolo che un comune che conta più di 30.000 abitanti vedesse concorrere due soli candidati a sindaco che – nel gioco delle parti, a cui ormai la politica ci ha abituato – fingono di avere posizioni diverse ma sono espressione di forze politiche diventate, ormai, tremendamente vicine. Forze politiche che incarnano programmi troppo simili e sovrapponibili ed esprimono unità di intenti e prospettive quando, insieme al Governo del Paese, vanno perfettamente d’accordo nel prendere le decisioni che contano. La candidatura di Marchetti è a sostegno di una lista formata da moltissimi e moltissime giovani e in prevalenza da donne, persone che si sono messe in gioco perché non si sentivano rappresentate dagli attori in campo: Enrico Marchetti e Camaiore Popolare danno la possibilità a chiunque non si riconosca in nessuno dei due schieramenti di maggioranza di avere una terza opzione. Vorremmo, inoltre, ringraziare Marchetti anche per aver, con la sua persona e con la sua candidatura, smontato la logica del leader, dell’uomo solo al comando. Il suo approccio alla politica, che riflette il suo modo di essere, è quello di squadra, di lavoro collettivo. Così come lo è la nostra visione del consiglio comunale che riteniamo debba assumere maggior peso e centralità rispetto all’azione del Sindaco, come, parallelamente, riteniamo prioritario coinvolgere il più possibile la partecipazione diretta e la consultazione di cittadini e cittadine, attraverso forme di decentramento che siano effettive e non solo formali. Vogliamo, infine, ringraziare Enrico per la persona eccezionale che, ancora una volta, ha dimostrato di essere, perché nonostante le difficoltà che sta attraversando non si è tirato indietro rimanendo a combattere, come lui stesso ha dichiarato, due battaglie contemporaneamente una contro la malattia e l’altra per il consiglio comunale, trasmettendo a tutte e tutti noi l’importante messaggio di non arrendersi e continuare a lottare. In fondo non sta scritto da nessuna parte che il coraggio non possa vincere contro la forza e che Davide debba soccombere contro Golia.

Francesca Trasatti portavoce dell’assemblea versiliese di Potere al Popolo

Arianna Lombardi segretaria del circolo di Camaiore del Partito della Rifondazione Comnista

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


sei − = 3