Lettera aperta di Domenico Marsili sulla scomparsa della notizia sulla manifestazione di USB a Forte dei Marmi

Pubblichiamo integralmente la lettera di Domenico Marsili del Partito Comunista dei Lavoratori e residente a Frte dei Marmi che pone un serio probloema sulla correttezza dell’informazione.

ALLE TESTATE locali IL  TIRRENO LA NAZIONE

MA ANCHE, ALLA RICERCA DI PROFESSIONALITA’ GIORNALISTICA, A CHI HA SENSIBILITA’ PER LE CONDIZIONI DI LAVORO.

Egregi signori

Il giorno sabato 6 agosto, a Forte dei Marmi, partendo dal semaforo davanti al pontile, si  tenuta una manifestazione organizzata e diretta dal sindacato di base USB.

Un coloratissimo corteo ha sfilato per i viali a mare, lato sud, fino a raggiungere lo stabilimento balneare di Briatore. Qui c’é stato un piccolo comizio che ha sottolineato la falsità del suddetto “imprenditore” (arrogante comunicatore dell’arroganza padronale) circa le condizioni salariali e contrattuale ( quando e dove c’é contratto, sempre più raro) dei lavoratori e delle lavoratrici. I manifestanti , circa 500, hanno denunciato, dati alla mano,  una realtà fatta di oppressione, intimidazione, prepotenze che fanno pensare più ad un rapporto di schiavismo che di lavoro.

Da fortemarmino oramai ultrasettantenne, posso assicurare che da decenni ( forse 5) non si tiene una manifestazione al Forte. Bisogna ritornare agli inizi degli anni ’70 per ritrovare manifestazioni dei bagnini  che attraversavano la spiaggia. E tornare indietro con il pensiero é doloroso in quanto si misura l’enorme perdita in salari, diritti, dignità.

Ma, evidentemente, neppure la RARITA’ dell’accaduto ha fatto sembrare alla stampa ( stampa locale in primis) che fosse argomento di interesse.

Neppure che si parlasse di schiavitù…….

Neppure, infine, che si contestasse un VIP ( very ignorant person,  come tale  NAOMO ( come lo imiterebbe Panariello) , é servito a stuzzicare la voglia d’informare dei “giornalisti” locali.

Eppure al VIP piace la prima pagina, piace essere ricordato specialmente sotto i solleoni estivi.

Ecco, leggendo subito dopo di 4 destri in carriera ( é iniziata anche per i peones la campagna elettorale) che hanno aperto uno striscione davanti alla casa estiva del presidente ucraino, avendo visto che le due testate locali non hanno lesinato spazio……..ci fa pensare male, molto male. E si sa, come ci spiegava il maestro degli imbrogli di stato, .il “divino” Giulio, “a pensare male non sta bene, ma 99% si indovina.

ECCO, IO PENSO CHE ALLA STAMPA LOCALE SIANO ARRIVATI ORDINI PRECISI E CIOE’ QUELLI DI FAR PASSARE SOTTO SILENZIO LA COSA

COME DEFINIRE L’ATTEGGIAMENTO: OMERTOSO?

VERGOGNA!

VERGOGNA!

VERGOGNA!

IN ALLEGATO DOCUMENTAZIONE E FOTO SULLA GIORNATA.

DOMENICO MARSILI

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


otto − = 6