AS.I.A. USB: “Contro censura e repressione siamo tutti Alessandrone”

“I decreti penali di condanna sono strumenti repressivi particolarmente odiosi perché emettono una condanna senza che vi sia stato prima un dibattimento tra le parti. Il decreto viene emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari (G.I.P.), su richiesta del Pubblico Ministero (P.M.). La difesa non è messa sullo stesso piano dell’accusa anzi è del tutto ignara di tale decisione, fino a che l’imputato ricevuta la notifica decide di comunicarla ai suoi legali. Ci sono, da allora, solo quindici giorni di tempo per fare opposizione. E’ uno strumento che tenta di intimorie e spera nella rinuncia del condannato a difendersi. Si tratta spesso di multe penali con tanti zeri che vengono sospese rimanendo una spada di Damocle sulla testa.

L’utilizzo di questo strumento, per reprimere lotte sociali, forme di dissenso e libertà di espressione, è sempre più disinvolto.

Bene ha fatto l’artivista e compagno Alessandro Giannetti ad opporsi ad un simile provvedimento. Alessandro, a cui va la nostra piena solidarietà, è stato condannato ad oltre 3000 euro di multa in alternativa a tre mesi di carcere per avere ralizzato una performance artistica al CAMeC di La Spezia. Ha scritto con il suo sangue “Demilitarizzare il mondo” tra l’altro su di un muro concesso dagli organizzatori della mostra “liberare l’arte dagli artisti” dedicata a Giacomo Verde. Censura e repressione si saldano insieme dentro il contesto di guerra in cui viviamo. La parola demilitarizzare deve dare molto fastidio a chi ha interessi con le servitù militari nella città di La Spezia.

Come AS.I.A. USB Viareggio e Brigata mutuo Sociale per l’Abitare conosciamo bene la repressione perché dobbiamo affrontarla nella lotta per il diritto all’abitare e per questo ci schieriamo senza se e senza ma dalla parte di Alessandro Giannetti, dei reodaisti e di tutti gli artivisti che hanno il coraggio e l’intelligenza di schierarsi contro il militarismo.”

AS.I.A. USB Viareggio

Brigata Mutuo Sociale per l’Abitare

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


× tre = 6