Le donne che lottano per il diritto all’abitare un esempio per tutt*.

Le donne che lottano per il diritto all’abitare un esempio per tutt*

Abbassiamo le armi alziamo i salari! Con queste parole d’ordine oggi 26 maggio è in atto un grande sciopero generale contro il governo Meloni.

Servono forti aumenti salariali per contrastare il carovita e l’inflazione. Serve un salario minimo di 10 euro e costruire una forte opposizione alla guerra.

Il governo Meloni, invece, ha cancellato sia il reddito di cittadinanza che il contributo affitti peggiorando non poco le condizioni di vita delle classi subalterne.

CASA E LAVORO PER TUTT*

In questo giorno di sciopero e lotta vogliamo ricordare il ruolo importantissimo delle donne che combattono per il diritto all’abitare nella nostra città. Potremmo puntare il dito sulle mancanze dell’amministrazione comunale e la pessima gestione dei srvizi sociali ma preferiamo sottolineare la determinazione e il protagonismo delle donne che lottano. La settimana scorsa una viareggina di ventisei anni, madre di tre figli, si è incatenata davanti al municipio di Viareggio per pretendere un incontro che l’ufficio casa le negava. Ieri 25 maggio due giovani donne marocchine hanno occupato una casa popolare da tempo chiusa. Le due donne sono state immediatamente sgomberate ma sono riuscite ad avere un posto dove dormire nei prossimi quindici giorni cosa che non avrebbero avuto solo busssando agli uffici. Pur non condividendo l’occupazione di case popolari abbiamo portato la nostra solidarietà a queste due donne perché crediamo che quel gesto estremo denunci le magagne di ERP nelle assegnazioni delle case. Ci sono troppe case murate e troppe famiglie senza casa.

L’esempio di queste donne che si sono messe in gioco ci auguriamo serva a tutte e tutti per intensificare la lotta per la casa, le residenze, il lavoro e i diritti.”

AS.I.A. USB Viareggio

Brigata Mutuo Sociale per l’Abitare

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


tre + = 9