Nel quarto anniversario della scomparsa di Giacomo Verde i R3O DADAISTI tornano ad omaggiarlo nel cimitero di Ponte San Pietro a Lucca.

E anche nel quarto anniversario della morte dell’artivista Giacomo Verde, i suoi compagni e le sue compagne lo hanno ricordato in modo R3O DADAISTA, al cimitero di Ponte San Pietro. L’inventore del teleracconto è stato omaggiato da poesie, inni e balli. Sono stati fatti anche dei doni tra cui alcune ciocche di capelli. Giacomo Verde venne a mancare il 2 maggio 2020 ma quest’anno a causa delle avversità meteo la ricorrenza è avvenuta sabato 4. Per l’occasione era presente anche un cardinale alla faccia di chi dice che il rito per ricordare l’artista è sacrilego e blasfemo. Niente di più falso. Il rito è R£ODADA e quindi inclusivo perché il simbolo, e non solo il simbolo, di questo pensiero è la “E” rovesciata. Quindi c’è stato spazio per un cardinale ma anche per un pirata e persino per una zebra e una mucca. Non potevano mancare i pappagalli intesi come orinatoi tanto cari a Giacomo. Musica e colore contro la morte. Nessuna mancanza di rispetto come, invece, vorrebbe affermare un pensiero fariseo e baciapile. Il male sta nell’occhio di chi guarda e nell’orecchio di chi sente. Noi saremo polvere nell’universo, quella polvere che siamo sempre stati. Il pensiero di Giacomo, però, è sopravvissuto alla sua morte terrena e lo provano le tante persone che anche quest’anno lo hanno ricordato con affetto. Non sono mancati i mortaletti e i petardi e poi una piccola processione per il paese dove il nostro ha vissuto gli ultimi suoi anni.

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


8 × = quaranta