Dopo il corteo contro Sea Future c’è stata la performance reodaista all’arsenale militare di La Spezia.

Sabato 3 giugno a La Spezia si è svolto un corteo contro il Sea Future, la corsa al riarmo e le logiche di guerra. Alla fine del corteo davanti all’arsenale militare si è svolta una performance che ha visto protagoniste le schiena di 23 persone nelle quali è stata scritta la frase “Demilitarizzare La Spezia.” È la stessa frase che un anno fa fu censurata al CAMeC.

Pubblichiamonqui ssotto il volantino e l’intervento distribuito da Insorgiamo Viareggio, Collettivo “Dada Boom” e Collettivo “SuperAzione”.

No alla censura di guerra

Viviamo in un contesto di guerra e repressione, dominato a livello mediatico da propaganda e disinformazione. I nostri cspitalisti fanno le guerre perché con esse aumentano i loro profitti ma anche perché tengono i popoli soggiogati. La guerra è parte del DNA del sistema capitalista. Non si può essere concretamente contro la guerra se non si è contro la produzione capitalista. Chiunque dissente o sviluppa un pensiero alternativo viene censurato e represso. L’anno scorso il Museo CAMeC di La Spezia, durante la mostra “Liberare arte da artisti” si permise di censurare l’opera *Omaggio Ogiugno” perché vedeva la scritta “Demilitarizzare La Spezia” su di un muro. Seguirono polemiche ipocrite e moraliste tanto gradite ai dominanti e ai loro servi, siano essi in divisa o in doppio petto. Nei giorni successivi l’artivista Alessandro Giannetti per protestare conto la censura si tagliò il petto e con il suo sangue scrisse “demilitarizzare il mondo. ” Il gesto portò la procura di La Spezia ad emanare un decreto penale di condanna che prevedeva 3 mesi di reclusione commutati in 3mila e rotte euro di sanzione. Tale sentenza è stata impugnata dal compagno che dovrà quindi affrontare un processo con prima udienza il 10 gennaio 2024. Siamo qui in piazza per esprimere solidarietà e complicità al compagno Alessandro Giannetti e a chiunque esprima un dissenso e che subisca censura o repressione. Siamo qui in piazza per dire no a nuove folli corse al riarmo. I soldi pubblici vanno spesi in edilizia popolare, sanità, cultura e istruzione e non in strumenti di morte. Diciamo un secco No alla costruzione di nuove basi militari. Chiediamo la riconversione di tutto il patrimonio nato presente sul territorio italiano e anche la rinconversione di fiere belliche come Sea Future.
Nessuna base per nessuna guerra.
Fermiamo l’escalation militare.
Fuori l’Italia dalla nato.

Insorgiamo Viareggio, Collettivo “Dada Boom”, Collettivo “SuperAzione”

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


− sette = 1