Repubblica Viareggina critica l’organizzazione del Toscana Pride.

“Abbiamo partecipato al Toscana Pride, a Firenze, lo scorso 8 luglio e lo abbiamo fatto con convinzione ed entusiasmo, per questo ci dispiace aver assistito a dei comportamenti antidemocratici da parte degli organizzatori.

Vergognoso è il fatto che si impedisca di parlare ad un gruppo di antagost* e ancor più grave che vengano poi caricati dalla polizia al guinzaglio di Arci Gay. Qualcuno, con arroganza, pretende di essere la sola voce, naturalmente prezzolata dal PD. Non è la prima volta che accadono cose spiacevoli. Al pride nazionale di Bologna, nel 2008, fu aggredita una compagnia per il solo fatto di essere salita sul palco per sventolare una bandiera, aggredita violentemente dalle forze dell’ordine. L’atteggiamento di connivenza tra le forze di polizia e il pride rovina lo spirito originale del pride e lo rilega ad una politica borghese di comodo e non più di lotta conflittuale come era e come dovrebbe essere. Prendiamo le sistanze da questo modo di organizzare il pride ed esprimiamo piena solidarietà a tutt* le compagne e i compagni aggrediti.”

Repubblica Viareggina

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


+ cinque = 6